Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo

Immagine di copertina
Il luogo in cui il 16 luglio è stato soccorso un uomo che per una settimana ha respinto gli attacchi di un orso, Alaska. Credit: U.S. Coast Guard

Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo

Un uomo è stato salvato in Alaska dopo essere stato attaccato ripetutamente da un orso grizzly nell’arco di una settimana. L’uomo è stato trovato casualmente lo scorso 16 luglio da un elicottero della Guardia costiera statunitense, che ha avvistato un messaggio di aiuto sul tetto della baracca in cui stava cercando riparo.

Quando l’equipaggio è sceso per prestare soccorso, ha trovato l’uomo ferito al petto con una fasciatura di fortuna alla gamba, mentre sventolava una bandiera bianca trascinandosi per terra.

“Ha detto che l’orso continuava a tornare ogni notte e che non dormiva da un paio di giorni”, ha detto al New York Times il tenente comandante Jared Carbajal, affermando che l’orso era anche riuscito a trascinarlo verso il fiume. L’uomo si era difeso usando una pistola ma aveva solo due colpi rimasti quando è stato raggiunto dai soccorritori, che hanno trovato la porta della baracca distrutta. Sul tetto aveva scritto un messaggio di Sos e “aiutatemi”.

Secondo la Guardia costiera statunitense, il caso dovrebbe ricordare l’importanza di portare con sé un telefono satellitare o un dispositivo per segnalare la propria presenza. Nel luogo in cui è atterrato l’elicottero, descritto da un membro dell’equipaggio come “in mezzo al nulla”, era infatti impossibile avere ricezione. L’assenza dell’uomo, di età compresa tra 50 e 60 anni, era stata segnalata dai suoi amici che si trovavano a Nome, centro distante circa 65 chilometri dal luogo in cui era stato prelevato.

L’uomo non era in pericolo di vita ed è stato portato a Nome dove secondo Carbajal ha insistito per salire da solo sull’ambulanza, senza salire sulla barella.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli