Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È stata liberata Ahed Tamimi, la ragazza simbolo della resistenza palestinese

Immagine di copertina
Credit: Afp

La ragazza ha scontato 8 mesi di detenzione dopo che un tribunale militare l'aveva condannata per aver schiaffeggiato nel dicembre del 2017 due militari israeliani nel suo villaggio in Cisgiordania

Ahed Tamimi, la ragazza di 17 anni diventata il simbolo della resistenza palestinese contro l’occupazione israeliana, è stata rilasciata oggi, 29 luglio 2018, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa palestinese Maan.

L’attivista palestinese ha scontato 8 mesi di detenzione dopo che un tribunale militare l’aveva condannata per aver schiaffeggiato nel dicembre del 2017 due militari israeliani nel villaggio di Nebi Saleh, in Cisgiordania.

Il video che mostrava Ahed Tamimi che schiaffeggiava i militari fuori dalla sua abitazione era diventato virale.

L’episodio era stato registrato e diffuso sulla pagina Facebook della madre della giovane, Nariman Tamimi. • Leggi chi è Ahed Tamimi: chi è la 17enne simbolo delle proteste palestinesi per aver schiaffeggiato un soldato israeliano.

Per i palestinesi, la ragazza è diventata presto un simbolo di resistenza, mentre per gli israeliani rappresenta unicamente una ragazza in cerca di pubblicità.

Ahed Tamimi è stata accolta da una folla festante quando ha fatto ritorno a casa.

“La resistenza continua fino a quando l’occupazione non finirà”, ha dichiarato la ragazza ai suoi sostenitori riunitisi davanti alla sua abitazione.

Tamimi era stata condannata per incitamento alla violenza, interferenza con il lavoro dei soldati e per aver lanciato delle pietre contro i militari.

A marzo, la ragazza ha accettato di dichiararsi colpevole per quattro dei capi di accusa che le erano stati imputati, tra cui incitamento e aggressione.

Ahed Tamimi aveva dichiarato nel corso di un’audizione preliminare di aver attaccato i soldati perché li aveva visti sparare un proiettile di gomma contro il viso di suo cugino di 15 anni, Mohammed Tamimi.

L’esercito israeliano ha invece detto di aver inviato i soldati nella casa di Tamimi perché la ragazza e suo cugino stavano lanciando pietre contro i soldati nella zona.

Oggi, 29 luglio 2018, lo street artist Jorit è stato arrestato in Cisgiordania per aver dipinto un murales sulla barriera che separa i territori palestinesi da Israele e che rappresenta proprio Ahem Tamimi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
Esteri / “La vaccinazione può proteggere da questo”, ospedale tedesco mostra tutti farmaci usati contro il Covid in terapia intensiva
Ti potrebbe interessare
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
Esteri / “La vaccinazione può proteggere da questo”, ospedale tedesco mostra tutti farmaci usati contro il Covid in terapia intensiva
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”