Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un dipendente di Twitter ha disattivato l’account di Donald Trump per 11 minuti

Immagine di copertina
Credit: Twitter

Il profilo personale del presidente statunitense è stato ripristinato pochi minuti dopo l'incidente. Il responsabile sarebbe un addetto al servizio clienti arrivato al suo ultimo giorno di lavoro

Twitter ha reso noto che l’account ufficiale di Donald Trump, che giovedì 2 novembre è risultato essere offline per 11 minuti intorno alle ore 16 di Washington, è stato disattivato volontariamente da un dipendente dell’azienda nel suo ultimo giorno di lavoro.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Inizialmente Twitter aveva fatto riferimento a un errore “umano causato da un impiegato”.

“L’account è sparito dalla rete per 11 minuti prima di essere ripristinato. Stiamo cercando di comprenderne le cause e fare in modo che non accada di nuovo”, si legge in un comunicato diffuso poco dopo l’accaduto dai dirigenti della piattaforma di microblogging.

Dopo aver svolto un’indagine interna, l’azienda ha fatto ulteriore chiarezza sull’incidente: l’account del presidente statunitense è stato messo temporaneamente offline da un addetto al servizio clienti arrivato al suo ultimo giorno di lavoro in azienda. Il nome della persona ritenuta responsabile dell’accaduto non è stato reso noto.

Poco prima dell’annuncio ufficiale di Twitter si sono diffuse diverse speculazioni sull’accaduto, la maggior parte delle quali riguardanti una possibile azione di hacking.

La disattivazione del profilo ha fatto crescere le critiche da parte di coloro che considerano insufficienti le misure di sicurezza adottate da Trump per proteggere dati sensibili.

Il presidente statunitense, infatti, continuerebbe a utilizzare il suo cellulare Android per scrivere i tweet al posto di un dispositivo crittografato fornito dai servizi segreti.

L’incidente ha riguardato esclusivamente l’account personale di Donald Trump e non quello ufficiale della Casa Bianca, @POTUS.

Dall’attivazione nel marzo 2009, il tycoon newyorkese è sempre stato attivissimo su Twitter, arrivando a scrivere più di 36mila post in poco meno di dieci anni.

Donald Trump, che sul social ha 41,7 milioni di follower, dopo la riattivazione del suo account è tornato a twittare e ha commentato così l’accaduto:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia