Covid ultime 24h
casi +16.232
deceduti +360
tamponi +364.804
terapie intensive -55

15enne partorisce di nascosto mentre fa la babysitter, poi getta il neonato nella spazzatura

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 18 Mar. 2021 alle 10:24 Aggiornato il 18 Mar. 2021 alle 10:24
562
Immagine di copertina

Era incinta ma aveva nascosto la gravidanza a tutti. Quando le prime contrazioni che annunciavano il parto l’hanno sorpresa mentre faceva da babysitter, ha deciso di disfarsi del piccolo appena nato gettandolo nella spazzatura: la storia che ha scosso il Regno Unito riguarda una ragazzina di 15 anni e risale al 2018.

La ragazza, oggi 18enne, è accusata di infanticidio. Quando il personale sanitario del Blackpool Victoria Hospital si è insospettito dopo aver visitato la ragazzina per una emorragia il giorno dopo il parto e ha allertato le forze dell’ordine. Il corpo del neonato è stato poi trovato dagli agenti in un bidone nel retro della casa della 15enne.

Il neonato era avvolto in un fascio di vestiti e messo in un sacco della spazzatura ma la 15enne ha raccontato agli inquirenti che lo credeva già morto al momento del parto perché il bimbo non si era mosso e non aveva emesso alcun vagito al momento al momento di venire al mondo.

La ragazza ha avuto le doglie mentre faceva da babysitter a un bambino che si sarebbe accorto che qualcosa non andava. Il piccolo ha notato la 15enne su letto piena di sangue ma lei ha replicato dicendo che aveva avuto il sangue dal naso e lo ha invitato ad andarsene, poco dopo si sarebbero sentiti i vagiti del neonato, ma poi ha visto la giovane andare a gettare un sacco che sembrava essere dell’immondizia.

La 15enne, come riporta la stampa locale, ha gettato il neonato nella spazzatura e poi ha pulito tutta casa. Quando è tornata a casa la mamma ha notato che non stava bene, che sanguinava e così l’ha portata in ospedale dove ha raccontato l’accaduto. L’adolescente ha però spiegato di aver creduto che il bambino fosse morto. La ragazza ha anche negato di sapere che era incinta, tutte versioni smentite da indagini e testimonianze: il bimbo a cui badava ha infatti raccontato di aver sentito pianti e vagiti, mentre le numerose ricerche su Google confermano che aveva intenzione di partorire da sola e di nascosto.

562
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.