Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Superbonus, allarme nel settore edilizio: lo stop alla cessione del credito rischia di paralizzare i cantieri

Immagine di copertina

Superbonus, allarme nel settore edilizio: lo stop alla cessione del credito rischia di paralizzare i cantieri

A 18 mesi dalla sua introduzione, una nuova stretta rischia di fermare l’attività stimolata nei cantieri dal Superbonus. È l’allarme lanciato dalle aziende edilizie, che chiedono al parlamento di intervenire per evitare la paralisi del settore.

 

A mettere un freno alla discussa misura e agli altri bonus edilizi, sarebbe il cosiddetto decreto “Sostegni ter” (decreto legge 4/22), entrato in vigore lo scorso 27 gennaio, che vieta ulteriori cessioni a chi ha acquisito il credito fiscale.

In altri termini, l’impresa che avrà riconosciuto lo sconto in fattura ai beneficiari, potrà cedere il credito a un altro operatore, che non avrà più la possibilità di cederlo a sua volta. Anche chi ha beneficiato direttamente della detrazione, senza vedersi riconosciuto lo sconto in fattura, avrà ancora la possibilità di cedere il credito ad altri, che non potranno però cederlo nuovamente. Un’eccezione è riconosciuta a chi aveva acquisito i crediti prima dell’entrata in vigore del provvedimento, che fino al 7 febbraio potranno essere oggetto di una sola cessione aggiuntiva.

Il limite fermerebbe di colpo il mercato dei crediti fiscali, riducendo la capacità per le imprese edilizie di riconoscere sconti ai clienti.

“Il provvedimento colpisce e danneggia tutti”, ha detto la presidente di Federcostruzioni Paola Maroni, “il mondo imprenditoriale, fornitori e cittadini, inclusi gli enti che amministrano gli immobili di edilizia residenziale pubblica. Così si ferma una macchina in corsa”.

Il Movimento 5 Stelle, principale sostenitore del Superbonus, ieri ha coordinato un tavolo con diverse associazioni imprenditoriali, chiedendo la modifica del decreto per evitare di “rallentare o circoscrivere le potenzialità di una misura che ha avuto un effetto indiscutibile nel rivitalizzare l’edilizia e nel contribuire alla crescita record del Pil italiano nel 2021”.

Anche Forza Italia ha chiesto un intervento, pur risconoscendo “l’esigenza sacrosanta di ripristinare la legalità” che tuttavia “non può e non deve trasformarsi in burocrazia inutile e sprechi di tempo, ma, soprattutto, in fallimenti e buchi nei bilanci delle aziende dovuti a norme perfino retroattive”. Il riferimento è anche alle norme contenute nel decreto antifrode dello scorso novembre, poi confluite nella legge di bilancio di quest’anno.

Il Superbonus, introdotto dal secondo governo Conte, consente ai contribuenti di ottenere una detrazione pari al 110% del costo delle ristrutturazione per rendere gli edifici ecocompatibili, che va a ridurre l’ammontare delle imposte dovute allo Stato nell’arco di cinque anni. Alternativamente, l’impresa edile può riconoscere al cliente uno sconto direttamente in fattura, acquisendo il credito fiscale che può essere poi ceduto nuovamente.

La misura, assieme ad altri bonus introdotti negli scorsi mesi, è stata accusata di aver incentivato abusi e truffe, senza prevedere controlli adeguati. L’Agenzia delle entrate ha dichiarato di aver scoperto truffe dal valore di centinaia di milioni di euro a causa degli incentivi.

Secondo i sostenitori i bonus hanno invece favorito la crescita, con un contributo al PIl del 2021 che il Consiglio nazionale degli ingegneri ha stimato allo 0,7 percento. Secondo il ministero dell’Economia, le misure avranno un costo ingente nei prossimi anni. Il costo totale al 2036, quando gli incentivi saranno interamente utilizzati, è stimato in 33 miliardi di euro, quasi il 2 percento del Pil.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Cronaca / Trani, scontro in volo tra due ultraleggeri: due morti e tre feriti
Cronaca / Lecco, perde il controllo della moto e investe pedoni: due morti e un ferito
Cronaca / Venezia, uomo si suicida davanti ai turisti vicino a Piazza San Marco
Cronaca / Forlì, marito e moglie trovati morti in casa: si sarebbero suicidati sparandosi in contemporanea
Cronaca / Macerata, maltrattamenti su un’alunna disabile: due arresti
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Cronaca / Covid, 23.976 casi e 91 morti: il bollettino di oggi