Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

La scadenza per il 730 precompilato 2019: le date sul modello di dichiarazione dei redditi

Immagine di copertina

730 PRECOMPILATO SCADENZA 2019 – Quando scadono i termini per il modello 730 precompilato per la dichiarazione dei redditi? Elenchiamo qui le scadenze per i contribuenti, lavoratori dipendenti o pensionati, che accettano la strada semplificata per comunicare online i propri dati all’Agenzia delle Entrate. Quali date ricordare.

730 Precompilato Scadenza 2019 | Quando scade

La prima data importante è quella del 15 aprile, il giorno in cui il Fisco mette a disposizione dei contribuenti il modello 730 precompilato (qui i vantaggi), disponibile da quella data in un’apposita sezione sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Per accedere a quella sezione bisogna essere in possesso di un codice Pin, che può essere richiesto online, accedendo allo stesso sito dell’Agenzia delle Entrate e inserendo alcuni dati personali, in ufficio, presentando una richiesta con documento d’identità, grazie a un’identità SPID, Servizio Pubblico d’Identità Digitale, le credenziali dell’Inps o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Dal 2 maggio è invece possibile accettare la dichiarazione dei redditi precompilata oppure integrarla. Vanno poi ricordati i giorni della presentazione, precisamente il 7 luglio e il 23 luglio: la prima data nel caso di presentazione al sostituto d’imposta, la seconda nel caso di presentazione diretta all’Agenzia delle Entrate o al Caf o al professionista.

LE ISTRUZIONI SUL 730 PRECOMPILATO 2019

730 Precompilato Scadenza 2019 | Date | Giorni

Altre date riguardano aspetti marginali. Chi si rivolge a un Caf o a un professionista abilitato deve sempre esibire la documentazione necessaria per verificare che i dati riportati nella dichiarazione siano conformi. Ma il contribuente deve anche conservare la documentazione in originale mentre il Caf o il professionista ne conservano una copia che può essere trasmessa, su richiesta, all’Agenzia delle Entrate. Più nel dettaglio, il contribuente deve esibire tutti i documenti che dimostrano il diritto alle deduzioni e detrazioni richieste in dichiarazione e i documenti relativi alla dichiarazione dei redditi di quest’anno devono essere conservati fino al 31 dicembre 2024. È quello il termine entro il quale l’amministrazione fiscale può richiederli.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Auto, con la transizione green 70mila posti a rischio in Italia: il Governo Draghi che fa?
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Auto, con la transizione green 70mila posti a rischio in Italia: il Governo Draghi che fa?
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Economia / Altro che equità fiscale e sviluppo sostenibile, la riforma del fisco di Draghi non ha coperture
Economia / "I profitti del vaccino anti-Covid di Moderna finiranno nei paradisi fiscali"