Me

La scadenza per il 730 precompilato 2019: le date sul modello di dichiarazione dei redditi

Di Donato De Sena
Pubblicato il 9 Mag. 2019 alle 17:55 Aggiornato il 9 Mag. 2019 alle 21:41
Immagine di copertina

730 PRECOMPILATO SCADENZA 2019 – Quando scadono i termini per il modello 730 precompilato per la dichiarazione dei redditi? Elenchiamo qui le scadenze per i contribuenti, lavoratori dipendenti o pensionati, che accettano la strada semplificata per comunicare online i propri dati all’Agenzia delle Entrate. Quali date ricordare.

730 Precompilato Scadenza 2019 | Quando scade

La prima data importante è quella del 15 aprile, il giorno in cui il Fisco mette a disposizione dei contribuenti il modello 730 precompilato (qui i vantaggi), disponibile da quella data in un’apposita sezione sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Per accedere a quella sezione bisogna essere in possesso di un codice Pin, che può essere richiesto online, accedendo allo stesso sito dell’Agenzia delle Entrate e inserendo alcuni dati personali, in ufficio, presentando una richiesta con documento d’identità, grazie a un’identità SPID, Servizio Pubblico d’Identità Digitale, le credenziali dell’Inps o una Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Dal 2 maggio è invece possibile accettare la dichiarazione dei redditi precompilata oppure integrarla. Vanno poi ricordati i giorni della presentazione, precisamente il 7 luglio e il 23 luglio: la prima data nel caso di presentazione al sostituto d’imposta, la seconda nel caso di presentazione diretta all’Agenzia delle Entrate o al Caf o al professionista.

LE ISTRUZIONI SUL 730 PRECOMPILATO 2019

730 Precompilato Scadenza 2019 | Date | Giorni

Altre date riguardano aspetti marginali. Chi si rivolge a un Caf o a un professionista abilitato deve sempre esibire la documentazione necessaria per verificare che i dati riportati nella dichiarazione siano conformi. Ma il contribuente deve anche conservare la documentazione in originale mentre il Caf o il professionista ne conservano una copia che può essere trasmessa, su richiesta, all’Agenzia delle Entrate. Più nel dettaglio, il contribuente deve esibire tutti i documenti che dimostrano il diritto alle deduzioni e detrazioni richieste in dichiarazione e i documenti relativi alla dichiarazione dei redditi di quest’anno devono essere conservati fino al 31 dicembre 2024. È quello il termine entro il quale l’amministrazione fiscale può richiederli.