Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Dopo la pandemia per rinunciare allo smart working, gli impiegati di Londra chiedono una maggiorazione sullo stipendio. Lo rivela un sondaggio

Dopo la pandemia gli impiegati di Londra, per rinunciare allo smart working e tornare a tempo pieno in ufficio, vogliono un aumento di stipendio che copra il costo dell’abbonamento del treno per raggiungere il posto di lavoro. Lo rivela un sondaggio riportato da Bloomberg e condotto da YouGov Plc per Locatee, una società di analisi occupazionale.

Con le restrizioni del Covid-19, gli impiegati hanno trascorso in media 16 mesi lavorando principalmente da casa. Secondo lo studio, ora solo il 17% afferma di voler tornare in ufficio a tempo pieno. Tuttavia, il 43% sarebbe disposto a fare comunque ritorno in presenza, a fronte di compensi più alti. Secondo la ricerca di YouGov Plc, i lavoratori della City chiederebbero 5100 sterline (circa 6 mila euro), che equivalgono alla spesa annuale per l’abbonamento del treno tra Londra e Tunbridge Wells, una città pendolare del Kent.

La ricerca, inoltre, ha sottolineato le difficoltà che le aziende (24 su 100 vorrebbero che i propri dipendenti tornassero in ufficio a tempo pieno) stanno incontrando nel tentativo di strutturare una “nuova normalità”. Se i lavoratori londinesi dovessero davvero ottenere l’aumento di stipendio richiesto per tornare in ufficio a tempo pieno, l’incremento medio del salario sarebbe circa del 15%.

Diverse aziende stanno pensando di includere nei contratti giorni di regolare lavoro da casa. “Le imprese corrono il rischio di perdere personale se non offrono una certa flessibilità“, spiega Thomas Kessler, amministratore delegato e fondatore di Locatee. I dipendenti, dal canto loro, “vogliono ancora sentirsi parte di un’unità più grande, circondati (a volte anche fisicamente) da colleghi e supportati dall’azienda”. E quasi la metà dei giovani tra i 18 e i 24 anni teme che il lavoro a distanza possa ostacolare la progressione della carriera.

Ma, secondo il sondaggio, quasi un terzo delle persone in cerca di un nuovo lavoro oggi si aspetta di lavorare in smart working almeno due giorni alla settimana. Sebbene la maggior parte continui a dare la priorità allo stipendio quando cerca un nuovo posto di lavoro, il 47% adesso menziona il lavoro flessibile come uno dei principali requisiti.

Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Economia / Innovazione e lifestyle: l’eBike traina il mercato della bici. L’industria delle due ruote vale 9 miliardi di euro
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Economia / Innovazione e lifestyle: l’eBike traina il mercato della bici. L’industria delle due ruote vale 9 miliardi di euro
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Economia / Messico, Amazon costruisce un magazzino in mezzo una baraccopoli: le foto diventano virali
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Economia / Fca pagò tangenti ai sindacati per corromperli: multa da 30 milioni di dollari negli Usa
Economia / Bonus terme 2021: cos’è, come funziona, quando e chi può richiederlo
Economia / Le “tute blu” ora diventano rosa
Economia / Clima: i disastri naturali hanno causato danni per 63 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2021