Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Quando la tecnologia si sposa con l’agricoltura: il successo italiano nella coltivazione del tabacco

Immagine di copertina
Germogli di Tabacco

Contenuto redatto in collaborazione con Philip Morris Italia

Tra le nuove strategie gestionali dell’agricoltura, negli ultimi tempi ha preso sempre più piede il cosiddetto “precision farming” ovvero quella che definiamo come agricoltura di precisione.

Ma perché e in che modo è possibile applicare strumenti di precisione all’agricoltura?

Ricorrendo a delle strumentazioni moderne tra cui satelliti, robot, GPS, sensori o droni che permettano di osservare e misurare in maniera semplice e di applicare precisamente specifici interventi agronomici.

Avvalendosi di questi sistemi moderni, infatti, l’agricoltura di precisione riesce a individuare quali sono le effettive esigenze delle diverse colture, determinando a monte le variabilità climatiche e le caratteristiche biochimiche e fisiche del suolo.

Il vantaggio principale del precision farming è la riduzione delle variabilità grazie ad azioni più mirate che rendano il più omogeneo possibile il processo produttivo. Ma non solo, tra i risvolti positivi nell’utilizzo di questa strategia di agricoltura moderna ci sono anche il risparmio di tempo e la riduzione degli sprechi.

L’agricoltura di precisione aiuta ad agire nel modo, nel luogo e nel tempo giusto consentendo di aumentare la produttività agricola e assicurando una maggiore sostenibilità ambientale.

Tra le aziende che lavorano per incentivare l’adozione di questi moderni sistemi di agricoltura, in Italia c’è Philip Morris che sta supportando l’introduzione del precision farming nella filiera agricola del tabacco.

L’Italia vanta un primato poco noto ai più, è infatti il primo produttore di tabacco greggio in Europa: si stima che la filiera agricola del tabacco italiano produca circa 50 milioni di kg ogni anno.

tabacco italia
Una coltivazione di Tabacco italiana

Sono quattro le regioni italiane in cui viene coltivato il tabacco: l’Umbria, il Veneto e la Toscana e la Campania. Tra queste regioni operano circa mille piccole e medie imprese tabacchicole.

Il ruolo della filiera del tabacco in Italia diventa rilevante sia sul piano economico che su quello sociale. L’intera filiera dà lavoro a oltre 50.000 addetti nelle fasi di coltivazione e trasformazione primaria e in almeno due regioni, la Campania e l’Umbria, il prodotto interno è influenzato significativamente dalla sua raccolta.

Leader nel suo settore, Philip Morris si sta impegnando in Italia per lo sviluppo e l’applicazione di un modello all’avanguardia nella gestione agricola, attraverso tecniche di precision farming.

La multinazionale del tabacco sta guidando in Italia una trasformazione totale del settore in cui opera, trasformazione che riguarda tutto il suo modo di operare compresi i processi relativi alla filiera agricola, con l’obiettivo ultimo di costruire un futuro senza fumo.

Attività come l’introduzione di stazioni meteo per integrare tutti i mezzi disponibili, fisici, tecnologici e chimici al fine di mantenere le popolazioni di organismi dannosi alla produzione tabacchicola sotto la soglia economica di danno; la gestione responsabile dell’acqua per incentivare l’adozione di sistemi di irrigazione a goccia o a pioggia in base all’andamento stagionale; l’impegno a una progressiva riduzione delle emissioni di Co2 nelle fasi di cura del tabacco, sono solo alcuni degli aspetti inclusi nel programma di Buone Pratiche Agricole sviluppato dall’azienda per perseguire l’obiettivo di innovazione della filiera.

Adottare sistemi di precision farming, come sta facendo Philip Morris nelle coltivazioni di tabacco italiane, è una scelta consapevole che consente di sfruttare le nuove tecnologie nel campo agricolo con il fine di ottimizzare la produzione e ridurre le inefficienze.

Anche un settore tradizionale come quello agricolo dovrebbe seguire il passo dell’avanzamento tecnologico, in linea con tutti gli altri settori.

L’agricoltura di oggi è sottoposta a cambiamenti sempre più significativi e il mantenimento delle condizioni ottimali è sempre più difficile da perseguire; l’impiego della tecnologia può rappresentare una grande opportunità di crescita e sviluppo che garantisca nel tempo risultati significativi anche in questo campo. Il precision farming è un piccolo passo verso il futuro.

tabacco italia

Leggi anche: 

Parità di genere e nuove tecnologie: l’industria 4.0 di Philip Morris verso un futuro senza fumo

Rispetta l’ambiente e #Cambiagesto, la campagna di sensibilizzazione contro l’inquinamento da mozziconi di sigaretta

Ti potrebbe interessare
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Ti potrebbe interessare
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Economia / Scenari economici post Covid per le aziende italiane
Economia / Come funziona la tassa minima globale
Economia / Crisi: il Covid ha spazzato via i progetti di vita di due famiglie su tre
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Economia / La settimana corta è un successo ovunque. In Italia invece continuiamo a lavorare di più e (quindi) peggio
Economia / Altro che equità fiscale e sviluppo sostenibile, la riforma del fisco di Draghi non ha coperture
Economia / "I profitti del vaccino anti-Covid di Moderna finiranno nei paradisi fiscali"
Economia / Ecofin approva il Piano nazionale di ripresa e resilienza dell'Italia
Economia / El Salvador diventa il primo Paese al mondo a legalizzare il Bitcoin