Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Da oggi si può chiedere il bonus di 600 euro: chi ne ha diritto e come richiederlo

Immagine di copertina

Inps, bonus 600 euro oggi 1 aprile: pin, sito, domanda, a chi spetta | Coronavirus

Da oggi, mercoledì 1 aprile 2020, è possibile richiedere il bonus di 600 euro previsto dal decreto Cura Italia per coloro che hanno dovuto interrompere la propria attività a causa dell’emergenza Coronavirus. Ma cosa serve per ottenerlo? Cosa bisogna fare? Pin semplificato, sito Inps, telefoni dedicati e le categorie che ne hanno diritto. Di seguito tutte le informazioni nel dettaglio.

La domanda: come richiedere il bonus di 600 euro

Le domande potranno essere presentate sul sito Inps anche con il Pin semplificato, che si può richiedere ad hoc: saranno accettate solo nel limite dei fondi stanziati, ma è probabile che le risorse siano poi rifinanziate con il decreto di aprile, come annunciato negli ultimi giorni dal ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo.

La domanda va fatta per via telematica con il Pin, lo Spid, la Carta nazionale dei servizi o la carta di identità elettronica. Chi non ha il Pin, può chiedere un Pin semplificato accorciando i tempi di arrivo. In alternativa si può usare il Contact center o i patronati. Dove vengono accreditati i 600 euro? L’accredito arriva sul proprio conto corrente.

Da oggi, 1 aprile 2020, sarà possibile fare la domanda ma “non ci sarà alcun ordine cronologico e le domande potranno essere inviate anche nei giorni successivi al primo aprile collegandosi al sito e cliccando sul banner dedicato”, le parole del presidente dell’Inps Pasquale Tridico. “Il bonus babysitter è attivo da oggi (ieri, 31 marzo). Il congedo speciale Covid è attivo da ieri (30 marzo). La procedura cig è attiva dalla scorsa settimana, e la deroga appena le regioni concluderanno gli accordi regionali”.

Interessati, a chi spetta

L’indennità di 600 euro, dettata dall’emergenza Coronavirus, andrà a:

  • lavoratori autonomi (commercianti, artigiani e coltivatori diretti)
  • liberi professionisti non iscritti a casse di previdenza obbligatoria
  • collaboratori coordinati e continuativi
  • lavoratori stagionali e a quelli dello spettacolo*

*Potranno chiedere l’indennità anche i lavoratori dello spettacolo, purché abbiano versato nel 2019 almeno 30 contributi giornalieri e non abbiano avuto un reddito superiore a 50.000 euro. Questi lavoratori non devono essere titolari di rapporto di lavoro dipendente al 17 marzo.

L’indennità viene tassata? No, non contribuisce alla formazione del reddito e quindi non può essere tassata. Non dà luogo a contribuzione figurativa (come la cassa integrazione, anche quella in deroga).

Indennità non cumulabile

L’Inps ha sottolineato che queste indennità non sono cumulabili e che sono incompatibili con la pensione, con il reddito di cittadinanza, con la cosiddetta Ape sociale e con l’assegno ordinario di invalidità. L’indennità è invece cumulabile con la Naspi per i lavoratori dello spettacolo e per quelli stagionali. Il bonus è cumulabile anche con le erogazioni monetarie derivanti da borse lavoro, stage e tirocini.

Cassa integrazione

Altra misura importante è quella dei trattamenti di cassa integrazione ordinaria e in deroga legata all’emergenza coronavirus. Per velocizzare i tempi, ad erogarla saranno le banche ad anticipare le somme che saranno poi rimborsate dall’Inps. L’anticipazione dell’indennità di cassa integrazione conseguente all’emergenza coronavirus avverrà tramite l’apertura di credito in un conto corrente apposito, se richiesto dalla banca, per un importo forfettario complessivo pari a 1.400 euro, parametrati a 9 settimane di sospensione a zero ore (ridotto proporzionalmente in caso di durata inferiore), da riproporzionare in caso di rapporto a tempo parziale.

Sul sito dell’Inps è possibile, ovviamente, trovare tutti i contatti e le informazioni ancor più nel dettaglio.

Leggi anche: 1. Coronavirus, il ministro dell’Interno Lamorgese: “Spero che quest’estate potremo andare in vacanza” / 2. Le ultime notizie sull’epidemia di Coronavirus in Italia

Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Economia / Innovazione e lifestyle: l’eBike traina il mercato della bici. L’industria delle due ruote vale 9 miliardi di euro
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Ti potrebbe interessare
Economia / Hai un’idea? Può diventare business. Intervista al Founder Alfredo Fefè
Economia / Innovazione e lifestyle: l’eBike traina il mercato della bici. L’industria delle due ruote vale 9 miliardi di euro
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Economia / Messico, Amazon costruisce un magazzino in mezzo una baraccopoli: le foto diventano virali
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Economia / Fca pagò tangenti ai sindacati per corromperli: multa da 30 milioni di dollari negli Usa
Economia / Bonus terme 2021: cos’è, come funziona, quando e chi può richiederlo
Economia / Le “tute blu” ora diventano rosa
Economia / Clima: i disastri naturali hanno causato danni per 63 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2021