Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Inflazione al 3%, mai così alta dal 2012. L’allarme di Confesercenti: “Italiani più poveri, persi 40 miliardi di consumi”

Immagine di copertina

Inflazione al 3%, record dal 2012: “Italiani più poveri”

Per il quarto mese consecutivo aumenta l’inflazione: secondo i nuovi dati Istat, infatti, il dato sulla crescita dell’indice dei prezzi al consumo è salito al 3%, una crescita che non si registrava dal 2012 quando fu pari al 3,2%. E intanto la Confesercenti lancia l’allarme sulla crescita dei prezzi affermando che gli italiani sono sempre più poveri.

Secondo l’Istat a influire sulla crescita dell’inflazione sono “i Beni energetici” che “continuano a essere protagonisti, contribuendo per più di due punti percentuali all’inflazione e spiegando buona parte dell’accelerazione rispetto a settembre”.

I prezzi dei beni energetici, infatti, sono passati dal +20,2% di settembre a +24,9%: quelli della componente regolamentata da +34,3% a +42,3% mentre i prezzi di quella non regolamentata da +13,3% a +15,0%.

Aumentano, anche se in maniera minore, anche i prezzi dei servizi relativi ai trasporti che dal 2% salgono al 2,4%.

Secondo Patrizia De Luise, presidente di Confesercenti, la “maggiore inflazione potrebbe sottrarre, in 2 anni, 9,5 miliardi di euro di consumi: circa 4 miliardi quest’anno e 5,5 miliardi del 2022”.

“La pandemia ha impoverito gli italiani” ha aggiunto De Luise sottolineando che: “A fine 2021 il reddito medio delle famiglie sarà ancora 512 euro inferiore ai livelli pre-crisi”. Questo ha comportato una perdita dei consumi stimata “fra 35 e 40 miliardi annui”.

A incidere è soprattutto “la crisi del lavoro”. “Dall’inizio dell’anno, sono stati recuperati solo 340.000 posti di lavoro dei 720.000 persi nel 2020: meno della metà. Per i lavoratori indipendenti, poi, è stata una vera e propria strage: sono 356.000 in meno rispetto al pre-Covid“.

“E c’è un paradosso – aggiunge la presidente di Confesercenti – nel turismo e nei servizi non si trovano professionalità disponibili. Una domanda di 100.000 lavoratori da parte delle imprese non trova risposte”.

Ti potrebbe interessare
Economia / La carità è circolare: “Si dona e si riceve”
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Economia / Da Autostrade a Tim: i fondi si stanno prendendo le infrastrutture italiane
Ti potrebbe interessare
Economia / La carità è circolare: “Si dona e si riceve”
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Economia / Da Autostrade a Tim: i fondi si stanno prendendo le infrastrutture italiane
Cronaca / L’Antitrust italiana multa Amazon e Apple per oltre 200 milioni di euro: “Violate norme sulla concorrenza”
Lavoro / Preparati al mondo del lavoro, partecipa a Destination Work City di Gi Group
Economia / Con la pandemia le aziende litigano di più (anche da remoto)
Cronaca / Guarito da un tumore viene messo in aspettativa non retribuita: “Così Amazon si sbarazza dei lavoratori fragili”
Economia / Criptovalute: il 2022 sarà davvero un anno di svolta?
Economia / Digital marketing: aumentare vendite e fatturato grazie all’online
Cronaca / Tribunale Ue rigetta ricorso di Google: confermata la multa da 2,42 miliardi di euro