Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Vittorio Sgarbi sull’incendio di Notre Dame: “Lì non c’è nulla di valore”

Immagine di copertina
Vittior Sgarbi e la cattedrale di Notre Dame in fiamme

“È un simbolo dell’architettura e della Chiesa e di straordinaria importanza, ma è una opera moderna, per cui sento dichiarazioni di angosce, drammi e tragedie. Il danno non è irreparabile, è ricostruibile”. Fanno discutere le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi, che, ospite della trasmissione Mediaset Quarta Repubblica, commenta l’incendio che il 15 aprile ha devastato la cattedrale di Notre Dame a Parigi. [Qui tutto quello che c’è da sapere sull’incendio]. 

Dopo le parole il critico d’arte, in studio si accende la polemica. A ribattere a Sgarbi è lo psichiatra Alessandro Meluzzi. Il critico d’arte ha sottolineato più volte che il valore architettonico della cattedrale simbolo di Parigi non è così alto come si crede.

“Le cose irreparabili sono quelle dove perdi delle opere centrali per la cultura dell’Occidente. Lì non c’è nulla, le vetrate sono state finite nel 1967 e sono opere triviali di nessuna importanza e se dovremo ricostruire ricostruiremo”, ha detto Vittorio Sgarbi.

Meluzzi controbatte al critico d’arte, ripetendo: “Io mi vergognerei di queste dichiarazioni”. Innervosito dall’intervento dello psichiatra, Vittorio Sgarbi risponde infuriato: “Quella di Meluzzi è pure retorica di una mente ottenebrata che non sa distinguere tra le opere d’arte e le cartoline. Ignorante come una capra!”.

“L’incendio poteva sicuramente essere evitato. Si è sviluppato nell’area dell’impalcatura che serviva al restauro della guglia che è crollata a causa dell’incendio. Paradossalmente a crollare è stata una delle parti più recenti della cattedrale, frutto di un restauro di metà Ottocento, nell’abito della rielaborazione neogotica di Notre Dame”, ha detto Vittorio Sgarbi all’Adnkronos, sottolineando ancora come l’architettura di Notre Dame sia “largamente ricostruita e potrà esserlo ancora, il danno non è irreparabile, entro dieci anni potrebbe essere riaperta”. [Qui la storia della cattedrale simbolo di Parigi]. 

Ti potrebbe interessare
Cultura / Antonio Presti a Tpi: ” Il nuovo Atelier sul mare, non solo un museo albergo ma un luogo dove si educhi alla bellezza”
Cultura / Un libro di corsa: Come l’arancio amaro
Cultura / Un libro di corsa: Tell me lies
Ti potrebbe interessare
Cultura / Antonio Presti a Tpi: ” Il nuovo Atelier sul mare, non solo un museo albergo ma un luogo dove si educhi alla bellezza”
Cultura / Un libro di corsa: Come l’arancio amaro
Cultura / Un libro di corsa: Tell me lies
Cultura / A Nauplia in Grecia il primo convegno dell’associazione To Hellenikon
Cultura / La guerra raccontata dalle donne: colloquio con Giovanna Botteri
Cultura / La storia di Simone Caravaglio, l’artista che ha colpito Josè Mourinho
Cultura / È morto lo scrittore Ismail Kadare: aveva 88 anni
Cultura / La bellezza negli scarti della società capitalista
Cultura / “Uno spiacevolissimo episodio”, un nuovo libro ripercorre la strage di Viareggio: il ricavato andrà ai familiari delle vittime
Cultura / Marosi Fest: l’oro di Stromboli per la sesta edizione del festival vulcanico