Covid ultime 24h
casi +16.310
deceduti +475
tamponi +260.704
terapie intensive -2

Chi è Valentina Alferj, la donna a cui Camilleri dettava i suoi libri

La collaborazione è iniziata quando lo scrittore ha cominciato a perdere la vista

Di Maria Teresa Camarda
Pubblicato il 17 Lug. 2019 alle 13:51 Aggiornato il 18 Lug. 2019 alle 08:46
0
Immagine di copertina

Chi è Valentina Alferj, la donna a cui Camilleri dettava i suoi libri

Valentina Alferj è la donna a cui lo scrittore Andrea Camilleri, morto oggi mercoledì 17 luglio a Roma, dettava i suoi libri da quando aveva cominciato a perdere la vista.

“E’ l’unica che sa scrivere nella lingua di Montalbano, anche se è abruzzese”, scherzava il “papà” del commissario più amato della letteratura. E anche della televisione, grazie all’interpretazione dell’attore Luca Zingaretti.

Di Valentina Alferj, assistente di Camilleri, si sa pochissimo, soltanto che è originaria di Pescara, è cresciuta a Roma, è sposata e ha un figlio.

Il “colpo di fulmine” con Camilleri

Tra Valentina e lo scrittore è stato “colpo di fulmine”: la donna era una delle organizzatrici di un evento culturale a cui Camilleri partecipava come ospite. Dopo averla vista al lavoro, lo scrittore la invitò a lavorare con lui.

La cecità avanzava ma le tenebre non avevano ancora spento l’immaginazione dello scrittore. Valentina è diventata il braccio di Andrea Camilleri. Oltre che la sua fedelissima assistente personale dal 2002.

È la donna dell’ombra – quella in cui ha vissuto l’autore negli ultimi anni della sua vita – e nell’ombra: trovare informazioni che la riguardano è difficilissimo. Non c’è sui social e di lei si sa soltanto quanto ha raccontato Camilleri in alcune interviste. La riconoscenza dell’uno e la dedizione dell’altra sono i due lati della stessa medaglia.

“L’unica che sa scrivere in vigatese, anche se è abruzzese”

Camilleri scriveva costantemente, quotidianamente, e Valentina compare nel 2016, quando lo scrittore ha 91 anni, nella nota finale del suo centesimo libro, ‘L’altro capo del filo’. “Si tratta di un Montalbano scritto nella sopravvenuta cecità” che ha dovuto dettare alla sua assistente Valentina Alferj, “l’unica che sia ormai in grado di scrivere in vigatese”. E lo stesso vale per tutto ciò che ha firmato da allora, sino all’ultimo Montalbano appena uscito, ‘Il cuoco dell’Alcyon’, giocato su recite e finzioni.

I suoi rimpianti, divenuto cieco, diceva, riguardavano principalmente il non vedere più l’amatissima pittura e il non riuscire più ad ammirare la bellezza femminile.

Andrea Camilleri è morto: addio al papà di Montalbano

Torna Montalbano: tutto quello che c’è da sapere sul commissario più amato d’Italia | Replica in onda il 23 maggio

Da “cabasisi” a “camurrìa”: tutte le frasi di Montalbano entrate nel nostro quotidiano

Andrea Camilleri e gli insulti dopo la morte: Un comunista in meno

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.