Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Turista austriaco danneggia una statua di Canova per un selfie: rovinato un piede di Paolina Borghese

Immagine di copertina
La statua di Paolina Borghese danneggiata

Turista austriaco danneggia una statua di Canova per un selfie: rovinato un piede di Paolina Borghese

Un turista austriaco ha danneggiato una statua di Antonio Canova per farsi un selfie. È accaduto venerdì 31 luglio al museo Canova di Possagno, in provincia di Treviso, dove l’uomo si è seduto sulla “Paolina Borghese” e le ha spezzato le dita del piede. A denunciare quanto accaduto è stato Vittorio Sgarbi, presidente della “Fondazione Antonio Canova”.

“Dopo la riapertura dei musei, e tra questi il Museo Gipsoteca di Possagno – racconta Sgarbi – si registra un episodio clamoroso, che non viene da visitatori italiani, né da extracomunitari, ma da un incosciente turista austriaco che ha ritenuto di mettersi in posa per una foto di opportunità sedendosi sulla Paolina Borghese, spezzandole le dita del piede. Chiedo chiarezza e rigore alle forze dell’ordine e alla magistratura, individuando con gli strumenti di sicurezza il vandalo incosciente”, aggiunge Sgarbi, “e non consentendogli di rimanere impunito e di rientrare in patria. Lo sfregio a Canova è inaccettabile”.

L’uomo si è dato alla fuga ma sarebbe stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza, anche se per ora non è stato rintracciato. “Ribadiamo che il nostro patrimonio deve essere tutelato: adottare un comportamento responsabile all’interno del Museo rispettando le opere e i beni in esso conservati non è solo un dovere civico, ma un segno di rispetto per ciò che testimonia la nostra storia e la nostra cultura e che va tramandato con orgoglio alle generazioni future”, si legge in un post del museo.

Leggi anche: 1. Vittorio Sgarbi: “Vergognatevi di attaccare Andrea Bocelli. Imbecilli” | VIDEO /2. Il video che riassume la storia dell’arte in un minuto

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore