Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Chi era Toni Morrison: la prima donna afroamericana a ricevere il premio Nobel per la Letteratura

Immagine di copertina

La scrittrice vinse il premio Pulitzer nel 1988 e il premio nobel nel 1993

Chi era Toni Morrison: la prima donna afroamericana a ricevere il premio Nobel per la Letteratura

La scrittrice statunitense Toni Morrison morta il 6 agosto all’età di 88 anni è stata la prima donna afroamericana a ricevere il premio Nobel per la Letteratura. Il suo vero nome era Chloe Anthony Wofford ed era nata a Lorain, nell’Ohio, il 18 febbraio 1931. Cresciuta in una famiglia di operai di colore, Toni mostra fin da piccola un grande interesse per la letteratura.

Si laurea in letteratura inglese alla Howard University nel 1953 e proegue la sua carriera accademica nella stessa università. Nel 1989 ottiene un incarico anche alla Princeton University e continua la sua attività anche in altre prestigiose università del paese. Sposa l’architetto Harold Morrison nel 1958 da cui ha due bambini. Oltre all’attività accademica lavora anche per diverse case editrici curando opere di scrittori afroamericani tra cui l’attivista del movimento afro-americano statunitense Angela Davis.

I romanzi

Fa il suo debutto da scrittrice con il romanzo “L’occhio più azzurro (The Bluest Eye)” nel 1970 in cui racconta il dramma psicologico di una bambina nera che vorrebbe diventare bianca e avere gli occhi azzurri.

Nel 1973 pubblica “Sula”, un romanzo che racconta la vicenda di due donne dai caratteri molto diversi che crescono nel periodo dell’ondata migratoria degli anni ’40. Un’altra grande opera storica della Morrison è “The Black Book”, antologia che raccoglie numerose testimonianze della storia afro-americana.

Nel 1976 diventa docente alla Yale University porta avanti la sua produzione letteraria con altre pubblicazioni: nel 1981 esce “L’isola delle illusioni (Tar Baby)”, mentre nell’ ’87 è la volta di Amatissima (Beloved), storia di una schiava in fuga che decide di uccidere la figlia pur di non farla diventare un’oppressa come lei. Il romanzo le vale il premio Pulitzer nel 1988.

I riconoscimenti

Nel 1993 grazie ai suoi romanzi è la prima scrittrice afro-americana a ricevere il premio Nobel per la Letteratura.

Tra i suoi scritti più famosi è certamente da ricordare il romanzo “Paradiso” del 1998. Altro romanzo di grande fama è invece” Amore” del 2004, che parla della storia di due amiche in un continuo susseguirsi di flashback che si traduce in un’ analisi della lunga storia della comunità afro-americana.

La scrittrice negli anni è stata anche attiva politicamente. Da sempre vicina al Partito Democratico, nel 2008 dichiarò la sua intenzione di votare Barack Obama alle elezioni presidenziali.

È morta Toni Morrison, prima donna afroamericana a ricevere il premio Nobel per la Letteratura

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore