Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Sostituisce un’opera di Banksy con un falso: fermato un 28enne a Milano

Immagine di copertina
Walled Off Hotel Print Box Set

Sabato 22 dicembre, un giovane incensurato ha tentato di trafugare "Walled Off Hotel Print Box Set", un'opera dell'artista misterioso esposta alla mostra milanese “The Art of Banksy. A visual protest”

Pensava di farla franca e con nonchalance stava uscendo dal MuDeC di Milano con un’opera di Banksy. L’uomo, un romeno incensurato di 28 anni, aveva sostituito l’originale con una copia e, in barba alla sicurezza, credeva di aver compiuto il colpo del secolo, quando uno degli addetti alla vigilanza l’ha fermato, prima di mettere piede fuori dal museo di Milano e ha scoperto il furto.

L’uomo è stato bloccato dai carabinieri, denunciato a piede libero per tentato furto e l’opera è tornata al suo posto. I fatti sono avvenuti nel pomeriggio di sabato 22 dicembre, attorno alle 17.30, al MuDeC, il Museo delle Culture di Milano.

L’opera che l’uomo avrebbe tentato di trafugare era Walled Off Hotel Print Box Set. 25×25 centimetri, l’opera, dal valore stimato di circa mille sterline, raffigura una torre con dei bambini che, sospesi su altalene, ruotano intorno, come se stessero su una giostra.

In corso le indagini per capire se il 28enne sia un falsario e, soprattutto, se abbia già colpito, trafugando altre opere d’arte.

La mostra di Banksy a Milano

La street art più famosa di sempre entra dentro un museo pubblico. Si tratta delle opere del notissimo Banksy e del Mudec di Milano – sito in via Tortona – che le ospita dal 21 novembre 2018 fino al 14 aprile 2019 per una mostra intitolata appunto “The Art of Banksy. A visual protest”.

E’ la prima mostra in assoluto qui in Italia del celebre street artist, anche se lui non ha mai dato la sua autorizzazione per organizzarla; in vista di questo gli organizzatori hanno deciso di non esporre le opere situate in spazi aperti, ma di mostrare solo quelle in mano a collezionisti privati.

La mostra, curata da Gianni Mercurio, raccoglie ben 70 opere dell’artista di vario genere: si possono infatti ammirare sculture, dipinti e stampe, il tutto corredato da oggetti, video e fotografie che hanno l’intento di descrivere la prospettiva artistica – fortemente antisistema e anticonformista – di Banksy.

Le opere d’arte sono disposte per genere e tema: si passa quindi dalla serialità di quei lavori ispirati a Andy Warhol – come ad esempio i ritratti di Kate Moss come quelli di Marilyn o le serie Tesco in cui l’artista di Bristol usa il marchio della grande catena di distribuzione britannica modello Campbell’s Soup – alla serie di opere note in cui Banksy ha aggiunto elementi propri che ne modificano il significato.

In ultimo, ma non da ultimo, c’è la sezione video in cui vengono mostrati tutti i murales dello street artist, sia quelli ancora esistenti che quelli andati purtroppo scomparsi.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore