Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Shantaram: la recensione di TPI

Immagine di copertina

Shantaram recensione | Di cosa parla

SHANTARAM RECENSIONE – “Shantaram”, l’uomo della pace di Dio, è un romanzo di David Gregory Roberts.

La prima volta che l’ho visto ero a Ginevra a casa di una mia amica. Era in bella vista sul comodino e incuriosita l’ho sfogliato. Il libro era in inglese, senza perdermi d’animo ho cominciato a leggerlo, ma ci ho messo poco per annoiarmi. Tornata dal viaggio non ci ho più pensato.

> QUI LE RECENSIONI DI TPI

Qualche anno dopo, parlando con degli amici, è uscito l’argomento “Shantaram”. Tutti dicevano che era bellissimo, ma tendo a non sentire i pareri degli altri. Secondo me i libri sono molto personali e ognuno ha un suo punto di vista. In questo caso mi sbagliavo di grosso. È un libro mattone, ma l’ho divorato in 2 giorni.

Il romanzo è l’autobiografia dell’autore: un rapinatore latitante, eroinomane, evaso dal carcere di Pentridge che si rifugia in India per dieci anni.

Dopo aver conosciuto Prabaker per un periodo abita negli slum, le baraccopoli indiane e casa sua diventa una clinica per quelli che non si possono permettere l’ospedale.

Sta andando tutto fin troppo bene e ci infatti arrivano i nemici: la prima è Madame Zhou, maitresse di una casa chiusa che lo fa arrestare senza un capo d’accusa. Per circa quattro mesi rimane in carcere picchiato e maltrattato finché un suo amico, su richiesta di Abdel Khader Khan, il capo di uno dei clan mafiosi più potenti di Bombay lo libera.

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA

Per ricambiare il favore, lavora per lui come riciclatore di denaro e più avanti si dedica a una missione per contrabbandare armi in favore dei mujaheddin afghani.

Quando ho cominciato a leggerlo non riuscivo a credere che fosse un’autobiografia, pensavo fosse tutto inventato. Mi è piaciuto perché dalla prima all’ultima pagina mi ha catturata. Oltre alla storia straordinaria di Roberts, un’altra cosa che mi è rimasta impressa è la descrizione senza filtri dell’India e di come vivono gli indiani.

A cura di Claudia Nanni

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA

Ti potrebbe interessare
Cultura / Jorit a TPI: “Ho dipinto il sorriso di Luana perché si lavori per vivere, e non per morire” | VIDEO
Cultura / Un libro di corsa: Indomabile
Cultura / Virtual Politik: il libro dei ventenni Crisanti e Sensi sulla rivoluzione digitale della politica
Ti potrebbe interessare
Cultura / Jorit a TPI: “Ho dipinto il sorriso di Luana perché si lavori per vivere, e non per morire” | VIDEO
Cultura / Un libro di corsa: Indomabile
Cultura / Virtual Politik: il libro dei ventenni Crisanti e Sensi sulla rivoluzione digitale della politica
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Cultura / I misteri della Silicon Valley: i segreti dietro le immagini ufficiali delle grandi compagnie tecnologiche
Cultura / Un libro di corsa: Le cose giuste
Cultura / Un libro di corsa: Ciao per sempre
Cultura / “È possibile che per tanto amore non ci sia una ricompensa?”, in libreria la malinconia di Joë Bousquet 
Cultura / Un libro di corsa: La notte non perdona
Cultura / Un libro di corsa: Il frutto della passione