Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Roberto Saviano acclamato a Bologna: “Sulle Ong solo bugie. È ora di scegliere da che parte stare”

Immagine di copertina
Roberto Saviano. Credit: ANSA/CIRO FUSCO

L'autore di Gomorra è intervenuto dal palco di Repubblica delle idee, sul tema delle Ong e dei migranti che attraversano il Mediterraneo

Saviano Bologna Ong migranti Mediterraneo

“Non possiamo più chiudere gli occhi, ci vuole coraggio per osservare”. Roberto Saviano ieri ha parlato dal palco di Repubblica delle Idee, in una piazza Maggiore gremita, a Bologna.

Lo scrittore è tornato a parlare del tema dei migranti nel Mediterraneo, al centro del suo ultimo libro In mare non esistono taxi (Contrasto). Nel suo intervento, intitolato “Guarda chi viene dal mare”, Saviano è partito proprio da alcune delle immagini raccolte nel volume.

Saviano a Bologna: “Sulle Ong che salvano migranti solo bugie”

“Ci stanno dicendo che muoiono meno migranti in mare, non è vero, quello che succede è che stanno eliminando i testimoni, le Ong sono testimoni”, ha detto lo scrittore.

Saviano, acclamato dalla folla, ha voluto mostrare proprio questo: le fotografie, testimonianze delle morti nella rotta del Mediterraneo centrale.

“Tutto quello che succede, tutte le balle che raccontano sono solo bugie”, ha detto l’autore di Gomorra. “Ora le Ong sono criminalizzate, chi aiuta è percepito come complice, ma è propaganda. E non è più pensabile interloquire con un pezzo di mondo che continua a mentire. Ora si può mostrare, si deve incidere”.

“Fa paura ora mettersi contro questo sistema”, osserva Saviano, che è stato recentemente attaccato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, che in un video postato su Facebook il 29 maggio ha parlato della possibilità di revocare la protezione allo scrittore minacciato dalla camorra (qui la risposta di Saviano).

“C’è paura perché ora c’è un uomo che sequestra striscioni innocui, che indossa la divisa della polizia, c’è un ministro che gioca con l’ambiguità. Lui fa tweet, esce dall’impasse di domande fatte in una trasmissione. Questa paura la possiamo vincere solo uniti, è difficile non avere paura. Ma possiamo fare squadra, forti, insieme all’interno di un percorso, e io credo nella possibilità che abbiamo di mostrare, nella forza di raccontare”, ha spiegato Saviano.

“Matteo Salvini non è una brava persona, smettiamo di raccontarcela, siamo di fronte a qualcuno che sta trasformando il nostro Paese”.

Saviano ha terminato il suo intervento con l’immagine di una bambina siriana che si è salvata da un naufragio tenendosi attaccata a un cadavere che galleggiava.

“Don Peppe Diana diceva una cosa bellissima: a me non importa sapere chi è Dio ma da che parte sta. L’unica cosa che ci resta è sapere da che parte stare”, ha concluso lo scrittore.

Consiglio d’Europa, allerta per le parole di Salvini sulla scorta di Saviano: “Caso di intimidazione”

Matteo Salvini può revocare la scorta di Roberto Saviano?

Ti potrebbe interessare
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Ti potrebbe interessare
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco
Cultura / Ora basta, siamo stufi del qualunquismo della Ferragni che semplifica il dibattito sul ddl Zan