Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Perché la radio pubblica israeliana si è scusata per aver trasmesso Wagner

Immagine di copertina
Richard Wagner. Credit: Getty Images

Il compositore tedesco era noto per le sue idee antisemite. In più pare fosse uno dei musicisti preferiti di Adolf Hitler

La radiotelevisione pubblica d’Israele, Kan, ha chiesto scusa agli ascoltatori per aver trasmesso sul suo canale radiofonico dedicato alla musica classica Richard Wagner.

Il compositore tedesco del diciannovesimo secolo non è molto caro agli israeliani per via delle sue idee. Wagner, infatti, la cui grandiosa e nazionalistica opera letteraria e musicale del XIX secolo è intrisa di antisemitismo, misoginia e idee proto-naziste sulla purezza della razza, è stato il compositore preferito di Adolf Hitler.

In Israele non esiste una legge che vieti di riprodurre le opere del compositore tedesco, ma le orchestre e le radio si astengono dal farlo. Disordini e proteste da parte degli ascoltatori hanno accompagnato i tentativi fatti in passato. E così è stato anche stavolta.

Venerdì scorso, Kan ha provocato le proteste di alcuni ascoltatori per aver dedicato una parte della sua programmazione a “Il crepuscolo degli dei”, l’ultimo dramma musicale della tetralogia “L’anello del Nibelungo” di Wagner.

Come si legge sul Telegraph, il presentatore del programma aveva introdotto la musica del compositore specificando che “nel 1849, Richard Wagner iniziò a formulare le sue idee rivoluzionarie sul lavoro dell’attività politica anarchica e diede vita a una nuova forma artistica, fondendo poesia e dramma”.

E così all’inzio della settimana, la radiotelevisione pubblica israeliana ha emesso un comunicato per scusarsi ufficialmente della “scelta artistica” del curatore del programma. Da Kan hanno specificato ancora che quanto accaduto non si ripeterà più.

In modo particolare le scuse erano rivolte ai sopravvissuti all’Olocausto, “per le sofferenze che una trasmissione simile potrebbe suscitare” in chi ha patito quella tragedia.

Ma le sfortune di Kan quel venerdì non si sono fermate alla scelta sbagliata del curatore della trasmissione. Infatti, durante la trasmissione a causa di un errore tecnico, ci sono stati circa quaranta secondi di silenzio, dopo i quali è stato riprodotto il resto del brano.

“Potrebbe essere stato un segno del destino”, ha detto la portavoce della radiotelevisione pubblica israeliana.

“Il problema verrà esaminato e ci scusiamo anche per questo”, ha aggiunto, respingendo le teorie cospiratorie secondo cui ci sarebbe stato una sorta di intervento esterno per mettere a tacere Wagner.

Jonathan Livny, avvocato e capo della Israel Wagner Society, ha accolto bene la scelta della trasmissione radiofonica di mandare Wagner.

“Non stiamo ‘suonando’ le opinioni del compositore, ma la meravigliosa musica che ha creato”, ha detto Livny, il cui padre era un sopravvissuto all’Olocausto. “Chiunque non voglia ascoltare la musica può sempre spegnere la radio”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Ti potrebbe interessare
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia
Cultura / Consigli per il weekend: i libri da leggere questa settimana