Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cultura

Rubano un quadro di Van Gogh in Olanda: il museo era chiuso causa Coronavirus

Immagine di copertina
Vincent van Gogh - The Parsonage Garden at Nuenen in Spring Credits: Groninger Museum

Olanda, quadro di Van Gogh rubato dal museo: era chiuso per Coronavirus

Il “Giardino della canonica di Neunen in primavera” di Vincent van Gogh è stato rubato. Il quadro era stato concesso in prestito dal Groninger ed era esposto al Singer Laren. La scomparsa del dipinto è stata registrata nella notte tra domenica e lunedì, il museo era chiuso a causa dell’emergenza Coronavirus. Prima della chiusura, il museo Singer Laren ospitava una mostra dal titolo “Specchio dell’anima” ed esponeva opere di artisti da Torop a Mondrian (oltre a van Gogh) in collaborazione con il Rijksmuseum di Amsterdam.

Secondo i media locali, i ladri avrebbero sfondato una porta a vetri del museo intorno alle 3 di notte. Appena scattato l’allarme, la polizia si sarebbe catapultata al museo ma, all’arrivo degli agenti, i ladri erano già scappati con il bottino.

 

Rubato quadro di van Gogh: il direttore del museo “sconvolto e arrabbiato”

Il direttore del museo, Jan Rudolph de Lorm, è “arrabbiato, sconvolto e triste. Perché specialmente in questi giorni scuri, sento fortemente che l’arte è qui per confortarci, ispirarci e guarirci”. Poi ha aggiunto: “È un dipinto bellissimo e commovente di uno dei nostri più grandi pittori, rubato alla comunità. L’arte è lì per essere vista e condivisa da noi. Questo quadro deve tornare qui al più presto”. Andreas Blühm, direttore del Groninger, ha aggiunto: “Speriamo che il quadro ci venga restituito il più presto possibile e integro”.

Il quadro risale al 1884, quando van Gogh era con i suoi genitori a Neunen: suo padre officiava nella chiesa che il pittore ha raffigurato nel dipinto come pastore protestante. Il quadro è nato come un regalo per la madre. Quando poi il padre morì, nel 1885, l’artista modificò il dipinto: essendo molto legato al giardino, in una lettera al fratello Theo spiegò: “Ho fatto anche uno studio dello stagno nel giardino della casa in autunno. Questo luogo è senza dubbio adatto per un dipinto”.

Leggi anche:

1. Una storia d’amore nata ai tempi del Covid-19: lei balla sul tetto, lui trova un modo originale per corteggiarla / 2. Coronavirus, i disegni dei tatuatori all’asta per sostenere gli ospedali di Bergamo

Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Cultura / Tuned, il podcast per scoprire come evolve il futuro degli aeroporti
Ti potrebbe interessare
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Cultura / Tuned, il podcast per scoprire come evolve il futuro degli aeroporti
Cultura / A Milano la terza edizione de “Il Verde e il Blu Festival”: tra gli invitati anche Draghi e Cingolani
Cultura / Sergio Castellitto a TPI: “Il cinema è anestetizzato, la politica non c’è più. Non arrendiamoci al conformismo”
Cultura / Le mostre più belle da vedere a Roma in questi giorni di giugno 2022
Cultura / Una repubblica mondiale, tra fiaba e utopia
Cultura / Scuola e Università Online: una borsa di studio per i talenti della Didattica a Distanza
Cronaca / Maturità, Dacia Maraini a TPI: “Importante il ritorno del tema scritto. È il pensiero che diventa forma”
Cultura / Un libro di corsa: Il dubbio del killer