Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Morto lo scrittore Naipaul, premio Nobel nel 2001

Immagine di copertina
Il premio Nobel per la Letteratura nel 2001 Naipaul

E’ morto lo scrittore anglo-caraibico, di origini indiane, Vidiadhar Surajprasad (V.S.) Naipaul, Nobel per la Letteratura nel 2001. Lo scrittore, morto nella sua casa londinese, aveva 85 anni.

Autore di una dozzina di romanzi (tra cui “Una casa per Mr Biswas” e “Sull’ansa del fiume”) e di altrettanti saggi e resoconti di viaggi, V. S. Naipaul è stato certamente il nome più celebre di quella fitta schiera di autori che sul finire del ventesimo secolo hanno rivitalizzato la letteratura inglese.

Nato il 17 agosto del 1932 a Trinidad, figlio di un giornalista da cui eredita la passione per la scrittura, nipote di un hindu povero emigrato dall’India i cui racconti sulla patria abbandonata incantano il futuro Nobel.

Nel 1950, grazie a una borsa di studio vinta, frequenta il corso di Letteratura a Oxford e prosegue nello stesso tempo la carriera di scrittore come V. S. Naipaul.

Il suo nome per esteso non è scritto su nessuna copertina dei suoi libri. Le due iniziali stanno per Vidiadhar Surajprasad.

Rimasto vedovo nel 1996, si risposa con Nadira, una donna pakistana molto presente nella sua vita. Dopo l’assegnazione del Nobel, le sue opere vengono tradotte in decine di lingue, compreso l’hindi, lingua a lui cara visto che era il linguaggio dei padri.

Nella cosiddetta “trilogia indiana” – il resoconto di lunghi soggiorni nel Subcontinente – l’autore affronta anche temi fondamentali della letteratura inglese del diciannovesimo secolo e di quella del secolo successivo.

”Lo scrittore e il mondo” (2002), la sua ultima opera.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Ti potrebbe interessare
Cultura / Il progetto ReWriters entra nei licei e dialoga con la società civile per riscrivere le regole della convivenza sociale
Cultura / “Il virus e la crisi climatica hanno unito il mondo”: intervista al filosofo Emanuele Coccia
Cultura / Luoghi comuni e autoreferenzialità ideologica: ne “Il Dio verde” l’ecologismo di facciata finisce sotto accusa
Cultura / Charles Baudelaire: il poeta del mal de vivre
Cultura / Un libro di corsa: Una nuova vita con Llyod
Cultura / Roma Arte in Nuvola
Cultura / Altro che emancipazione: il libro di Emily Ratajkowski non risolve la questione morale della mercificazione di sé
Cultura / Un libro di corsa: Io e (il) mostro
Cultura / De Giovanni a TPI: “Draghi non è espressione del voto democratico”
Cultura / Tutta la magia del Natale da Nord a Sud Italia