Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Come funziona l’Italia? Dando sempre la colpa a un altro: l’amaro monologo di Valerio Mastandrea

Immagine di copertina
Credit: Twitter Propaganda Live

Monologo Mastandrea Propaganda Live – “È sempre colpa di un altro, di quello che veniva prima. Di quello che ha fatto il lavoro prima”, recita l’attore romano Valerio Mastandrea ospite dell’ultimo puntata di Propaganda Live prima dell’estate.

Nel programma condotto da Zoro su La 7, il David di Donatello per Gli Equilibristi e La prima cosa bella riceve gli applausi del pubblico per il suo monologo, un brano tratto da In mezzo al mare di Mattia Torre, autore del testo cult I figli ti invecchiano.

È un mantra che vale in più di un’occasione, quello di dare la colpa agli altri. Se vai dal dentista, che allude al collega che c’era prima di lui e dice: “Tiè, guarda che roba. Le hanno fatto un disastro”.

Vale per il meccanico che non si conosce e che si cerca disperatamente per riparare il motorino. Che ride e dice: “Ma chi ce l’ha messe le mani qua?”. Vale per l’idraulico, secondo cui il calcare nei tubi è colpa di chi ha fatto i lavori prima di lui. Vale per il muratore che c’era ancora prima.

Vale sempre? Sì, anche per il governo.

“Stessa cosa con il governo appena insediato. Trova un buco di mille miliardi di debito lasciato dal governo precedente. E al precedente governo non sta bene che si dica così: allora accusa il governo precedente. Che accusa il precedente. Fino a risalire a un governo talmente indietro nel tempo che ormai sono tutti morti. E che pure nelle tombe bofonchiano”, recita Mastandrea.

“Tutto il paese va avanti in un susseguirsi di colpe di cui è responsabile sempre quello di prima. O quello prima ancora. Ed è una piccola magia tutta italiana: milioni di cittadini e nessuno ha una sola responsabilità”.

“Una grande catena di San’Antonio. Colpa di altri, eh. Noi ci proviamo. Speriamo bene”.

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore