Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

È uscito in Italia Serotonina di Michel Houellebecq, il libro più atteso del 2019

Immagine di copertina
Michel Houellebecq. Credit: Oliver Berg/dpa

È arrivato anche in Italia il settimo romanzo dello scrittore francese “politicamente scorretto” Michel Houllebecq. È il libro più atteso del 2019, si chiama “Serotonina”(edizioni La Nave di Teseo nella traduzione di Vincenzo Vega). Il nome del libro fa riferimento al neurotrasmettitore che regola il nostro buonumore che, secondo Houllebecq, è sempre più in disequilibrio nel sistema nervoso degli individui che vivono in una società estremamente competitiva come la nostra.

L’autore francese, tra i più conosciuti dei nostri tempi, è un personaggio molto dibattuto, in passato è stato accusato di oscenità, razzismo, misoginia e islamofobia. Quattro anni fa Houllebecq ha pubblicato “Sottomissione”, uscito in concomitanza con la strage di Charlie Hebdo, in cui ha raccontato la Francia “islamizzata”. Oggi con “Serotonina” Houllebecq descrive il declino dell’Europa e la deriva della classe media francese, in molti hanno ravvisato la protesta dei gilet gialli.

In Francia il romanzo è già un successo, le vendite lo hanno portato in cima alle classifiche. La critica lo definisce un’indagine sull'”inquietudine francese”, da qui il richiamo alla rivolta dei “gilet gialli”. Ma altri scrivono che “Serotonina” è più una riflessione profonda sulla perdita dell’amore e sull’impossibilità dell’uomo di mantenere la condizione di contentezza.

Il protagonista del libro di Houllebecq si chiama Florent-Claude Lambrouste. È un uomo che prova disgusto per se stesso e per le donne. Ogni mattina prende il Captorix, un antidepressivo in compresse che contiene appunto al Serotonina.

“Ero capace di essere felice nella solitudine? Pensavo di no. Ero capace di essere felice in generale? È il tipo di domanda che credo sia meglio non farsi”.

Ti potrebbe interessare
Cultura / “Una sera torno a casa e c’era Agnelli a tavola. Così mi incazzai con mio padre Eugenio”: parlano le figlie di Scalfari
Cultura / “Il potere dei libri: leggete e non ve ne pentirete”. Parla Giuseppe Laterza
Cultura / Alla Festa del Cinema di Roma arriva il documentario su Eugenio Scalfari: la clip in esclusiva
Ti potrebbe interessare
Cultura / “Una sera torno a casa e c’era Agnelli a tavola. Così mi incazzai con mio padre Eugenio”: parlano le figlie di Scalfari
Cultura / “Il potere dei libri: leggete e non ve ne pentirete”. Parla Giuseppe Laterza
Cultura / Alla Festa del Cinema di Roma arriva il documentario su Eugenio Scalfari: la clip in esclusiva
Cultura / Diritto della privacy e protezione dei dati personali. Il GDPR alla prova della data driven economy: il libro di Alongi e Pompei
Cultura / Dacia Maraini a TPI: “La gentilezza ci salverà”
Cultura / I libri da leggere questa settimana
Cultura / Le mostre da non perdere questa settimana
Cultura / “Il potere dei libri per combattere l’odio social”: intervista a Nicola Lagioia
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”