Me
HomeCultura

Cattelan e il “furto” della banana: “Chi si mangia le mie opere aiuta il mio lavoro”

L'artista commenta il gesto di David Datuna, che ha ingurgitato la sua opera Comedian all'Art Basil di Miami

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 10 Dic. 2019 alle 16:21 Aggiornato il 10 Dic. 2019 alle 16:58
Immagine di copertina

Cattelan: “Chi si mangia le mie opere aiuta il mio lavoro”

“Ci sarà sempre qualcuno che tira giù un mio pupazzo, mi ruba un cesso d’oro o si mangia la banana, tutto ciò alla fine aiuta una certa narrativa che ruota attorno al mio lavoro”, così l’artista Maurizio Cattelan commenta il “furto” della sua opera Comedian lo scorso 8 dicembre al museo Art Basil di Miami.

Per l’esattezza, l’artista David Datuna ha strappato dal muro e poi mangiato in pubblico la banana da 120mila euro di Cattelan, per poi diffondere il video che riprende il gesto sui suoi canali social.

Ma il gallerista non si dispera.

E in un’intervista al Correre della Sera, rivela: “La banana è un classico della cultura Pop, un simbolo che è stato usato anche da altri. Non perché Donatello ha scolpito un cavallo, il cavallo appartiene solo a lui. Se vogliamo questa banana non è nemmeno diversa da un neon di Dan Flavin, pure questo usato anche da altri. E poi nessuno si scandalizza se il neon viene cambiato, così anche questa banana è stata sostituita. Non m’importa nulla che sia stata mangiata, perché ciò che conta è solo l’idea”, racconta, precisando di non aver intenzione di esporne un’altra nello stesso museo, per precauzione.

Del Comedian però esistono altri due esemplari, e le altre gallerie stanno già facendo a gara per ottenerli, rigorosamente appesi al muro con uno skotch, come vuole Cattelan.

Istruzioni per l’uso: si può sostituire (o mangiare) ogni dieci giorni.

Il video dell’artista che mangia la banana di Cattelan

Leggi anche:

Un artista ha mangiato la banana da 120mila euro di Maurizio Cattelan | VIDEO