Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Il piccolo lord Fauntleroy: la recensione di TPI

Immagine di copertina

Il piccolo lord fauntleroy recensione | Di cosa parla

IL PICCOLO LORD FAUNTLEROY RECENSIONE – “Il piccolo lord Fauntleroy” è un romanzo della scrittrice Frances Burnett.

L’età consigliata di lettura è dai 7 anni in sù, ma le restrizioni non mi sono mai andate a genio e quindi ho deciso di leggerlo.

> QUI LE RECENSIONI DI TPI

Cedric Errol è un bambino di 7 anni, abita con la mamma negli Stati Uniti. Suo padre, morto da poco ed era il figlio minore del conte Dorinfourt, un ricco nobile inglese.

Il matrimonio del padre di Cedric con la madre non era mai stato accettato dal vecchio conte che aveva tagliato i ponti.

Cedric è all’oscuro di tutto e vive la sua infanzia in un quartiere popolare di New York con i suo amici: Mr. Hobbs, il droghiere e Dick il lustrascarpe.

La morte improvvisa di Bevis, primogenito del conte, cambia le carte in tavola. Il bambino di punto in bianco diventa l’unico erede, con il titolo di lord Fauntleroy. Il nonno, diventanto con il tempo burbero e astioso, è costretto a chiamare Cedric e la nuora in Inghilterra, non per affetto, ma per poter dare a Cedric un’educazione degna di un lord inglese.

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA

All’arrivo nel grande castello del nonno, Cedric ha una grande delusione: la mamma, che l’aveva accompagnato non avrebbe abitato con lui, ma sarebbe andata in una villetta a Court Lodge fuori dalla tenuta di Dorincourt.

Il ragazzo non è a conoscenza dei dissapori tra la madre e il vecchio conte e la donna fa di tutto per far rimanere la cosa segreta, in caso contrario Cedric non avrebbe mai potuto instaurare un buon rapporto con il nonno.

Nonostante i pregiudizi del vecchio conte che considera gli americani poco più che selvaggi, il rapporto tra lui e il nipote diventa sempre più profondo, grazie all’affetto di Cedric.

In parallelo la madre, si rende conto delle terribili condizioni di vita della gente che vive nelle proprietà del conte, comincia a fare opera di volontariato, usando il piccolo vitalizio che il suocero le passa e convince il figlio a parlare con il nonno per poter migliorare le condizioni della popolazione. Lentamente avviene il miracolo: il nonno si trasforma in un uomo sereno, felice dell’immenso affetto che prova per Cedric e capace di aiutare gli altri.

Arriva però il colpo di scena……

Non sarò di certo io a svelarvelo

A cura di Claudia Nanni

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA

Ti potrebbe interessare
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Ti potrebbe interessare
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco
Cultura / Ora basta, siamo stufi del qualunquismo della Ferragni che semplifica il dibattito sul ddl Zan
Cultura / Da Trieste in giù, Raffaella Carrà era un'icona gay (di L. Paladini)