Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Il conte di Montecristo: la recensione di TPI

Immagine di copertina

Il conte di Montecristo recensione | Di cosa parla

IL CONTE DI MONTECRISTO RECENSIONE – L’idea di leggere “Il conte di Montecristo” di Alexandre Dumas, mi ha sfiorata in un estate di luglio a Grottaferrata. Stavo cercando qualcosa da leggere e gli occhi si sono soffermati su questo libro. L’ho preso dalla libreria e mi sono resa conto del bel mattone che avevo tra le mani. Ho pensato che fosse il libro per me. E’ una storia che può sembrare assurda: come fa un prigioniero a scappare da un carcere arroccato sul mare e sopravvivere? Era la domanda che mi assillava. La risposta è arrivata praticamente subito: è un romanzo.

> QUI LE RECENSIONI DI TPI

Il sentimento predominante del libro è la vendetta ed è quello che spinge il protagonista a sopravvivere e a portare a compimento il suo piano.

Siamo nel 1815 a Marsiglia, anno della restaurazione Borbonica. Edmond Dantès è un marinaio della nave mercantile Pharaon. Sta ottenendo tutto quello che vuole: sposarsi, con la spagnola Mercedes, ed essere promosso capitano.

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA

Adesso facciamo la conoscenza dei nemici invidiosi: Danglars, scrivano della nave e aspirante capitano, geloso del successo di Dantes, organizza una trappola per incastrarlo e strappargli la promozione. I suoi complici sono Fernand Mondego (cugino di Mercédès e innamorato di lei) e Gaspard Caderousse (l’invidioso vicino di casa di Dantès).

Danglars scrive una lettera anonima dove denuncia Edmond accusandolo di essere un agente bonapartista. La missiva finisce nelle mani del sostituto procuratore del re e magistrato pubblico Gérard de Villefort, inflessibile lo fa incarcerare e Dantès viene portato nella prigione del Castello d’If dove è condannato per il resto della vita.

Quando la speranza di tornare libero si sta affievolendo, come una manna dal cielo, conosce l’abate Faria che da anni sta scavando un tunnel sotterraneo nella speranza che possa condurlo fuori dalla fortezza.

Per conoscere il finale dovete andare in libreria….

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Nove perfetti sconosciuti
Cultura / “Suggestioni”, a Roma la mostra di illustratori e vignettisti sulla Divina Commedia
Cultura / I limitatori del pensiero (di Ivo Mej)
Cultura / Un libro di corsa: Alan Turing, storia di un enigma
Cultura / Ecco “Lucia Bosè. L’ultimo ciak”, il nuovo romanzo di Laura Avalle
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Cultura / Il museo unico di Roma Antica proposto da Calenda? Sarebbe un errore, ma apre un dibattito
Cronaca / “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra”, le frasi più belle che ci ha lasciato Gino Strada
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Cultura / Morto Antonio Pennacchi: le cause della morte dello scrittore