Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Chelsea Manning, il documentario sulla fonte di Wikileaks | TRAILER

“Sono la stessa persona di prima, ho solo perso sette anni della mia vita”. Chelsea Manning, in carcere dallo scorso 8 marzo per essersi rifiutata di testimoniare davanti al Grand Jury di Alexandria, in Virginia, sul caso Wikileaks, si racconta. E lo fa nel documentario “XY Chelsea”- diretto dal regista Tim Travers Hawkins- che sarà presentato in anteprima durante il Tribeca Film Festival il prossimo 1 maggio.

L’ex analista dell’intelligence USA e attivista, in interviste esclusive rilasciate prima della recente incarcerazione, rivela le motivazioni che l’hanno spinta a trasmettere documenti e materiali riservati all’organizzazione di Julian Assange contribuendo a sollevare il velo su una delle pagine più buie della politica estera statunitense. “È stato quell’infinito flusso di violenza, morte e distruzione…” prosegue Manning nel trailer del documentario. “Volevo che la gente vedesse quello che stavo vedendo io”.

Girato nel corso di due anni, “XY Chelsea” segue Manning, nel 2013 condannata a 35 anni di carcere, nel periodo successivo alla grazia concessa il 17 gennaio 2017 dal presidente Barack Obama a tre giorni dalla fine del suo mandato. L’inizio è parallelo alla scarcerazione avvenuta nel maggio 2017, la macchina da presa segue poi la fonte di Wikileaks nei giorni di libertà che portano i segni delle insostenibili condizioni di vita durante la reclusione: i primi undici mesi erano stati così duri da essere oggetto di un’indagine da parte del Rapporteur delle Nazioni Unite sulla Tortura, Juan Mendes, che li aveva definiti “crudeli e inumani”.

Tra battaglie pubbliche e private, riferimenti al percorso per il cambio di sesso iniziato durante la detenzione e riflessioni sulla national security in America, la sete di verità è un punto fermo. “Avevo i documenti e ho detto: ‘Lo farò e accetterò le conseguenze’” afferma Manning nel documentario ricordando l’inizio della storia.

Le riprese includono footage di guerra, comizi pubblici in occasione della candidatura al Senato nello Stato del Maryland e interessanti punti di vista su cosa sia essere parte della comunità LGBTQ in un’America pervasa da un clima di intolleranza.

Il risultato è un ritratto privato di una delle figure che più hanno segnato la storia politica degli ultimi anni. Un ritratto che, oggi, a pochi giorni dall’arresto del fondatore di Wikileaks Julian Assange, accusato di cospirazione con Chelsea Manning finalizzata alla pirateria informatica, è ancor più al centro dei riflettori.

Ti potrebbe interessare
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Cultura / I misteri della Silicon Valley: i segreti dietro le immagini ufficiali delle grandi compagnie tecnologiche
Cultura / Un libro di corsa: Le cose giuste
Ti potrebbe interessare
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Cultura / I misteri della Silicon Valley: i segreti dietro le immagini ufficiali delle grandi compagnie tecnologiche
Cultura / Un libro di corsa: Le cose giuste
Cultura / Un libro di corsa: Ciao per sempre
Cultura / “È possibile che per tanto amore non ci sia una ricompensa?”, in libreria la malinconia di Joë Bousquet 
Cultura / Un libro di corsa: La notte non perdona
Cultura / Un libro di corsa: Il frutto della passione
Cultura / Houellebecq e il timore francese per l’islamo-gauchismo
Cultura / “L’Italia, com’era”, le immagini del Paese nelle foto dell’Archivio Alinari
Cultura / Un libro di corsa: Queenie