Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

Quando Camilleri diceva: “Accogliere la morte come un atto dovuto è saggezza”

Immagine di copertina

Quando Camilleri diceva: “Saggio accogliere la morte come un atto dovuto”

“Che rapporto ha con la morte? Buono, ci rispettiamo. Accogliere la morte come un atto dovuto è saggezza. Accogliere la morte con spavento è inutile, tanto sei già morto”. Erano queste le profonde e sincere parole che Andrea Camilleri (qui la sua biografia) pronunciava ai microfoni di Circo Massimo, la trasmissione radiofonica di Radio Capital, in una recente intervista di Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto.

Era il 12 giugno 2019 e solo pochi giorni dopo, il 17 giugno, lo scrittore siciliano veniva ricoverato all’ospedale Santo Spirito di Roma in codice rosso. Oggi, 17 luglio 2019, esattamente un mese dopo, Camilleri si è spento nello stesso ospedale della capitale a seguito di un arresto cardiaco.

Camilleri parlava con grande serenità, quella di un uomo che può dirsi felice e soddisfatto della vita che ha vissuto: “Sono un uomo che ha avuto una vita fortunata, ha fatto sempre quello che voleva, si è guadagnato il pane facendo quello che gli piaceva fare, che è una grandissima cosa. È felice di avere pronipoti, che è felice di aver vissuto”.

Quel giorno, quando Giannini gli domandava quale fosse il suo ricordo più bello, lui aveva ricordato il giorno del suo matrimonio. “Il giorno in cui mi sono sposato. La mia futura moglie mi aveva detto: il vestito non fartelo fare dal solito sarto, che ti fa le spalle strette. Ma io la feci fare da lui. Quando indossai quella giacca mi sentii morire e lei mi disse “te l’avevo detto”. Quella notte infame gli dissi di sposarsi un uomo con le spalle grandi e lei mi diede uno schiaffo. Poi ridemmo a crepapelle”.

“Sono un uomo felice, posso dirlo”, ripeteva il geniale padre del commissario Montalbano. E a noi, oggi, piace ricordarlo con questo stato d’animo, quello con cui se ne vorrebbero andare tutti.

La biografia di Andrea Camilleri

Andrea Camilleri, 18 bellissime opere dello scrittore siciliano

La lettera di Camilleri per Montalbano (letta da Luca Zingaretti)

Da “cabasisi” a “camurrìa”: tutte le frasi di Montalbano entrate nel nostro quotidiano

Andrea Camilleri: le frasi più belle del papà di Montalbano

Ti potrebbe interessare
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Ti potrebbe interessare
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Cultura / Il Libro Possibile compie 20 anni: oltre 200 ospiti per il doppio delle serate e doppia location
Cultura / Un libro di corsa: Il labirinto delle ombre
Cultura / Un libro di corsa: Fuga
Cultura / Un libro di corsa: La pazienza del diavolo
Cultura / Black Art Matters: l’ascesa dell’arte afroamericana
Calcio / Venerdì 28 maggio TPI presenta il libro Calcio e Geopolitica
Cultura / Un libro di corsa: Favolosa economia
Cultura / Un libro di corsa: Come delfini tra i pescecani
Cultura / Ninni Bruschetta su Boris 4: “Non posso dire niente, ma sono sicuro che Duccio in questi anni ha fatto qualcosa di brutto…”