Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cultura

“Non fare il salame, rifiuta il fascismo”: la nuova provocazione del Banksy torinese

Immagine di copertina

“Non fare il salame, rifiuta il fascismo”. E, accanto, una foto a mezzo busto di Mussolini a testa in giù. Questo il nuovo manifesto-fake comparso per le vie di Torino giovedì 25 aprile, giorno in cui si celebra la Liberazione dell’Italia dal nazifascismo. L’opera è di Andrea Villa, il Banksy torinese che torna a colpire.

I cartelloni sono stati affissi la scorsa notte in diversi punti della città: al Rondò della forca (corso Regina Margherita angolo via Cigna), in via XX Settembre 66, in via Corte d’Appello 20 e in corso Vinzaglio angolo corso Matteotti, a due passi alla questura.

Banksy l’artista invisibile, il più misterioso e corteggiato esponente della Street – art paragonato ad Andy Warhol. Andrea Villa, invece, affigge i suoi manifesti per le strade di Torino e di Milano.

Villa utilizza riferimenti a grandi opere d’arte del passato e del presente per creare campagne pubblicitarie che non vendono prodotti, bensì idee. E ironizza spesso su personaggi politici, come si vede dalle immagini, italiani e non.

> La provocazione di Banksy: l’opera che si autodistrugge da sola

Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Indomabile
Cultura / Virtual Politik: il libro dei ventenni Crisanti e Sensi sulla rivoluzione digitale della politica
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Ti potrebbe interessare
Cultura / Un libro di corsa: Indomabile
Cultura / Virtual Politik: il libro dei ventenni Crisanti e Sensi sulla rivoluzione digitale della politica
Cultura / La lotta alla povertà come politica pubblica
Cultura / I misteri della Silicon Valley: i segreti dietro le immagini ufficiali delle grandi compagnie tecnologiche
Cultura / Un libro di corsa: Le cose giuste
Cultura / Un libro di corsa: Ciao per sempre
Cultura / “È possibile che per tanto amore non ci sia una ricompensa?”, in libreria la malinconia di Joë Bousquet 
Cultura / Un libro di corsa: La notte non perdona
Cultura / Un libro di corsa: Il frutto della passione
Cultura / Houellebecq e il timore francese per l’islamo-gauchismo