Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Mafia, condannato a 9 anni l’imprenditore dell’eolico Vito Nicastri: finanziava la latitanza di Messina Denaro

Immagine di copertina
Vito Nicastri

Di recente, è stato coinvolto nell'inchiesta che ha portato in carcere anche Paolo Arata, ex consulente di Matteo Salvini

Mafia, condannato a 9 anni l’imprenditore dell’eolico Vito Nicastri

L’imprenditore trapanese dell’eolico Vito Nicastri è stato condannato a nove anni dal Gup di Palermo Filippo Lo Presti con l’accusa di associazione mafiosa. In particolare, per il magistrato, Nicastri sarebbe stato tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro.

Vito Nicastri è conosciuto anche come “il signore del vento” o il “re dell’eolico” per i suoi investimenti nelle energie rinnovabili. Di recente, è stato coinvolto nell’inchiesta che ha portato in carcere anche Paolo Arata, il faccendiere ed ex consulente della Lega di Matteo Salvini.

L’indagine, coordinata dalla Dda di Palermo, ha svelato un giro di mazzette alla Regione siciliana finalizzate ad agevolazioni nelle pratiche relative agli investimenti nelle energie rinnovabili. Nell’ambito dell’inchiesta è emersa anche una presunta tangente che Arata avrebbe pagato all’ex sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri per la presentazione di un emendamento favorevole alle imprese che si occupano di energie alternative. Questo troncone dell’indagine è stato trasmesso a Roma.

Nel processo per concorso esterno in associazione mafiosa, celebrato parallelamente all’inchiesta per corruzione, erano imputati anche il fratello di Nicastri, Roberto, condannato a nove anni per concorso esterno in associazione mafiosa, Leone Melchiorre, condannato a 9 anni e 4 mesi per associazione mafiosa, Girolamo Scandariato, che ha avuto sei anni e otto mesi per favoreggiamento ed estorsione. Assolti Giuseppe Belletti, accusato di associazione mafiosa, e i fratelli Tommaso, Virgilio e Antonio Asaro che rispondevano di favoreggiamento. Il processo è stato istruito dal Procuratore aggiunto Paolo Guido e dal Pm Gianluca De Leo.

Chi è Vito Nicastri, imprenditore dell’eolico

Nicastri ha 62 anni ed è originario di Alcamo, in provincia di Trapani. È un imprenditore leader nel settore della produzione di energia fotovoltaica ed eolica, e già negli scorsi anni era stato ritenuto vicino al capomafia castelvetranese Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993, e destinatario di un sequestro milionario.

Chi è Vito Nicastri, il “signore del vento” arrestato in Sicilia

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste
Cronaca / Lo storico Emilio Gentile a TPI: “Sciogliere Forza Nuova? Attenzione all’effetto martirio”
Cronaca / Viaggio nella galassia No pass: “Non siamo tutti fascisti”
Cronaca / Lotta eversiva, affari oscuri e droga: chi sono i militanti di Forza Nuova che hanno assaltato la Cgil
Cronaca / Effetto Draghi: le stragi in mare non indignano più