Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Violenze e separazioni: nel 96% dei casi il giudice non tiene conto delle accuse delle donne

Immagine di copertina

Violenze e separazioni: nel 96% dei casi il giudice non tiene conto delle accuse delle donne

Una piaga tanto diffusa quanto trascurata dai tribunali. Si tratta della violenza domestica, al centro di una clamorosa relazione della commissione parlamentare sul femminicidio, che ha analizzato come il sospetto di abusi viene preso in considerazione nei procedimenti di separazione e affidamento dei figli.

Secondo i dati raccolti dalla commissione, in più di un terzo delle cause sono presenti indicazioni di violenza domestica, con denunce, certificati o altri documenti. Tuttavia, in quasi la totalità dei casi in cui questi segnali sono presenti (96%), i tribunali non acquisiscono gli atti e non ne tengono conto per decidere sull’affido.

“Per la prima volta il fenomeno della vittimizzazione secondaria viene indagato e quantificato in modo scientifico e per la prima volta, dati alla mano, si ricostruisce il percorso della violenza contro le donne e i minori nelle aule dei tribunali, anche attraverso i pregiudizi e gli stereotipi di cui sono vittime”, ha detto la presidente della commissione Valeria Valente, facendo riferimento all’ulteriore “vittimizzazione” che opera tramite la risposta di istituzioni e individui alla vittima di violenze.

Anche nelle sentenze spesso non si trova traccia di violenze comunque emerse durante il procedimento. Secondo la relazione, anche quando sono presenti indicazioni di violenze, il 57,9% delle sentenza non ne fa menzione. Il 18,6 percento delle sentenze fa vagamente riferimento a un “conflitto in famiglia”, mentre solo nel 21,1 percento delle cause vengono citate esplicitamente. Per quanto riguarda i bambini soggetti dell’affido, solo nel 7,8 percento dei casi è il giudice a sentirli direttamente (invece degli operatori dei servizi sociali), mentre nel 69,2 percento dei casi non vengono ascoltati affatto.

La relazione, presentata stamattina alla presenza della presidente del Senato, Elisabetta Casellati, la ministra della Giustizia Marta Cartabia e del presidente della Corte costituzionale, ha esaminato sia i procedimenti di separazione giudiziale di coppie con figli, sia i procedimenti sulla responsabilità genitoriale presso i tribunali per i minorenni. Nel primo caso sono stati presi 569 dei 2089 procedimenti iscritti a ruolo tra marzo e maggio 2017, nel secondo 620 casi sui 1452 iscritti nel solo marzo 2017, più altri fascicoli.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”
Cronaca / Giornalisti picchiati alla cena della Roma, la società caccia il bodyguard
Cronaca / Suicidio assistito, l'appello di Fabio Ridolfi: "Lo Stato mi aiuti a morire"
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Cronaca / Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”