Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Firenze, sequestrata e violentata in un pollaio dall’ex congnato

Immagine di copertina

La tragedia si è consumata nel casolare isolato dell'aguzzino, che ha anche costretto la donna a firmare una delega per l'utilizzo della sua carta di credito

Segregata e violentata in un pollaio dall’ex cognato

Oggi, venerdì 6 dicembre, i carabinieri di Pontassieve, in provincia di Firenze, hanno arrestato un uomo di 55 anni che ha segregato e violentato la ex cognata per oltre un mese nel suo casolare.

La donna ha 53 anni ed è riuscita a liberarsi dall’aguzzino, fratello del suo ex marito, scappando e camminando per sei chilometri nei boschi, dove è riuscita a contattare un’amica e a chiedere aiuto, prima ai servizi sociali e poi alla polizia.

Da lì le indagini e l’arresto del sequestratore nelle campagne della provincia fiorentina questa mattina. L’uomo, che aveva già qualche precedente, ora è accusato di sequestro di persona in concorso, lesioni, violenza sessuale, violenza privata, rapina e utilizzo indebito di carte di credito.

L’aguzzino ha rapito l’ex cognata con un inganno e con la complicità di un altro fratello, per il quale ora è stato disposto l’obbligo di dimora.

Nel suo pollaio della Val di Sieve l’assalitore ha costretto la ex cognata a firmare una delega per l’utilizzo della sua carta di credito, su cui percepisce il reddito di cittadinanza. Oltre a questo la vittima è stata obbligata a scrivere una lettera indirizzata all’ex marito per informarlo del trasferimento all’estero e giustificare la sua scomparsa.

La donna è stata picchiata violentemente anche con un tubo di plastica, e legata a una branda metallica perché non scappasse. Il 55enne toscano la liberava solo due volte al giorno perché si alimentasse con acqua e biscotti.

Nelle indagini è coinvolta anche la compagna dell’aguzzino, a cui la vittima è stata costretta a firmare la delega per l’utilizzo della carta, che secondo quanto ricostruito è stata utilizzata più volte.

A seguire le ricerche il gip Angela Fantechi.

Leggi anche:
Napoli, 43 operai segregati in un laboratorio senza finestre né bagno: arrestato imprenditore
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Food blogger chiede un pranzo stellato gratis per sette persone. Lo chef Usai la gela così
Cronaca / Giarrusso nel Pd, l’ira di Alessandro Gassman: “Non vi voterò mai più”
Cronaca / Roma, incendiate 5 auto nella sede Telecom. Scritte: “No al 41bis”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Food blogger chiede un pranzo stellato gratis per sette persone. Lo chef Usai la gela così
Cronaca / Giarrusso nel Pd, l’ira di Alessandro Gassman: “Non vi voterò mai più”
Cronaca / Roma, incendiate 5 auto nella sede Telecom. Scritte: “No al 41bis”
Cronaca / L’amante di Matteo Messina Denaro: “Non sapevo fosse lui, si è presentato con un nome diverso”
Cronaca / Angela Brandi morta per uno shock emorragico polmonare: era stata dimessa dall’ospedale
Cronaca / Alfredo Cospito, a Nordio la decisione sul 41 bis: chiesto il parere ai magistrati antiterrorismo
Cronaca / Alfredo Cospito trasferito nel carcere di Opera. Piantedosi: “È pericoloso”
Cronaca / La cannabis aiuta le donne ad avere orgasmi multipli: la ricerca
Cronaca / “Ignorante, non capisci niente”. Prof denunciata dai genitori per le offese a entrambi i figli
Cronaca / Movida violenta a Napoli, 14enne picchiato con un manganello da coetanei