Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Uccisa in strada dall’ex denunciato per stalking: quella di Vanessa Zappalà era una morte annunciata

Immagine di copertina

Chi era Vanessa Zappalà, uccisa dall’ex fidanzato già denunciato per stalking

“Non mi fa niente, è solo geloso”: così parlava Vanessa Zappalà, la 26enne uccisa con diversi colpi di pistola sparati dal suo ex fidanzato sul lungomare di Aci Trezza, in provincia di Catania, di Antonino Sciuto, il 39enne già denunciato per stalking dalla vittima e trovato impiccato in un terreno di uno zio poche ore dopo il delitto.

Secondo quanto ricostruito, la ragazza è stata uccisa nella notte tra domenica 22 e lunedì 23 agosto. L’uomo, che come detto era stato denunciato più volte dalla vittima per stalking ed era attualmente sottoposto a divieto di avvicinamento, ha raggiunto Vanessa, la quale era in compagnia di alcuni amici, per cercare un chiarimento, dopodiché ha sparato alcuni colpi a bruciapelo, ferendo in modo lieve anche un’amica della giovane.

Quella di Vanessa Zappalà era purtroppo una tragedia annunciata, così come testimonia anche un post di una sua amica, che su Facebook ha scritto: “Ti avvisavo ogni sera: ‘Stai attenta che si apposta sotto casa nostra’”.

“Tante volte ti inviavo messaggi ‘Stai attenta Vale, ho paura’ – scrive ancora l’amica – e tu rispondevi ‘Tranquilla non mi fa niente, è solo geloso'”.

“E adesso come farò ogni sera ad affacciarmi senza chiederti: ‘Vane che fai?’ E tu: ‘Niente, fumiamoci una sigaretta nel balcone’. Principessa del mio cuore, ogni volta che entrerò al panificio non ti vedrò. Stamattina il mio pianto, le mie urla, con mia mamma abbiamo capito tutto senza sapere ancora la notizia”.

Nata a Trecastagni, paesino alle pendici dell’Etna, Vanessa Zappalà lavorava in un panificio. “Facevi casa e lavoro, una ragazza tranquilla, buona, gentile, educata”: così la descrive un’amica sui social.

E ora in paese, dove tutti conoscevano la ragazza, sono in molti a chiedere giustizia, tentando di capire perché, nonostante le denunce, l’assassino di Vanessa abbia avuto la libertà di avvicinare la ragazza e toglierle la vita.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Svizzera, il ministro a Sgarbi: “Le regole sono uguali per tutti. Qui i deputati non hanno auto blu”
Cronaca / “Piscine contaminate da batteri fecali”: blitz dei Nas nei parchi acquatici
Cronaca / La lettera del papà di Giulia e Alessia, investite dal treno: “Giudizi negativi su di me. Non porto rancore”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Svizzera, il ministro a Sgarbi: “Le regole sono uguali per tutti. Qui i deputati non hanno auto blu”
Cronaca / “Piscine contaminate da batteri fecali”: blitz dei Nas nei parchi acquatici
Cronaca / La lettera del papà di Giulia e Alessia, investite dal treno: “Giudizi negativi su di me. Non porto rancore”
Cronaca / Jovanotti risponde al professor Tozzi: “Li ho chiamati eco–nazisti perché lo sono”
Cronaca / Roma, pedina la moglie tramite Gps e aggredisce l’amante con nove coltellate al torace: la vittima è in coma
Cronaca / Genova, indagato combattente italiano in Ucraina: è un estremista di destra
Cronaca / Balenciaga lancia una borsa a forma di busta della spazzatura: costerà 1.800 euro
Cronaca / Papa Francesco: "Volere l’eterna giovinezza è delirante"
Cronaca / Donatella, suicida in cella. Il giudice: “Anche io ho fallito. Il carcere non è a misura di donna”
Cronaca / Gas, le città italiane si preparano alle limitazioni: dai condizionatori all’illuminazione