Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Mi vaccino contro il Covid per evitare la sospensione dello stipendio”: quando il consenso informato non vale

Immagine di copertina

“Mi sento costretta a sottopormi a questa vaccinazione perché rischio il posto di lavoro. Accetto di essere vaccinata dal momento che, sotto coercizione e non per mia volontà, devo sottopormi come cavia a un vaccino in cui non credo a causa della sospensione dello stipendio. Non mi ritengo responsabile di eventuali danni o effetti avversi alla mia persona e in tal caso pretendo di essere risarcita dallo Stato”.

Secondo quanto ha riportato Il Secolo XIX, recitava più o meno così la dichiarazione che una maestra elementare ha scritto a Genova sul modulo del consenso informato prima di sottoporsi alla vaccinazione per il virus Sars-CoV-2. Una modifica al consenso informato che ha spinto il medico vaccinatore ha non procedere alla vaccinazione. Una scena che forse – con toni e modalità diverse – si potrebbe ripetere in giro per l’Italia. Alcune persone, infatti, a fronte della necessità di mantenere il posto di lavoro e la retribuzione, potrebbero pensare di “autolimitare” il proprio consenso con dichiarazioni che minano le fondamenta di una scelta consapevole nei confronti della vaccinazione.

“Il consenso, per essere ritenuto valido, deve essere: personale, informato, libero, attuale, cosciente/consapevole e specifico per il trattamento proposto”, ha spietato a La Repubblica Alessandro Bonsignore, presidente dell’Ordine dei medici di Genova e docente di Medicina Legale all’Università del capoluogo ligure. “Questo significa che la persona, parlando di vaccinazione per la prevenzione dell’infezione da Covid-19, accetta il trattamento proposto assumendosi la responsabilità della scelta (concetto, questo, scollegato dalle questioni di eventuali eventi avversi che andranno valutati da caso a caso). Oggi, il consenso va richiesto dall’operatore perché la vaccinazione non è obbligatoria: ogni persona, infatti, non può essere sottoposta ad alcun trattamento, come è appunto il vaccino per Sars-CoV-2”, senza aver prestato il proprio consenso.

Insomma, il medico non può e non deve procedere alla vaccinazione se non esiste un consenso (ed ovviamente lo stesso accade in caso di dissenso) valido e consapevole. “È comunque fondamentale la verifica della condizione della capacità di autodeterminazione, ad ogni età: se una persona non è perfettamente lucida, il medico può non accettare la scelta del paziente (positiva o negativa che sia)”, ha proseguito Bonsignore. “La persona che sceglie deve essere, come detto, tra le altre cose libera, cosciente e informata; se rivela elementi che possono in qualche modo influire sulla sua scelta – in questo caso situazioni economiche e professionali che vengono esposte per “smentire” la propria volontà di sottoporsi alla vaccinazione – il sanitario non può far altro che astenersi per non configurare una situazione potenzialmente a rischio, in termini di difetto di autodeterminazione del singolo”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto
Cronaca / Mercalli a TPI: “Marche? Era impossibile prevedere”
Cronaca / Saman Abbas, il racconto del cugino indagato: “Uccisa con una corda e gettata nel Po”
Cronaca / Palermo, marito e moglie volano giù dal balcone al culmine di una lite
Cronaca / Marnate: uomo uccide la madre e tenta il suicidio
Cronaca / Covid, dal 30 settembre cade l’obbligo di mascherine sui trasporti e negli ospedali
Cronaca / Venezia, ennesimo femminicidio: 41enne uccisa a coltellate dopo una lite