Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

L’ultimo viaggio di Vincenzo, dalla Germania a Palermo per sentire l’odore del mare

Ultimo viaggio Vincenzo Germania Palermo – Il suo ultimo desiderio era vedere il mare della sua Sicilia e mangiare una brioche nella sua isola.

Questa la storia di Vincenzo, un malato grave ricoverato in un ospedale della Germania e riportato a casa dalla Croce Rossa di Susa, che ha risposto all’appello della famiglia.

I volontari hanno organizzato il trasporto di Vincenzo in Italia, come da loro stessi raccontato.

“Aveva chiesto di lasciare un finestrino aperto quando siamo arrivati in Sicilia perché voleva sentire l’odore del mare  Quando siamo arrivati a Palermo la  mattina presto è stato emozionante perché ci siamo fermati al bar come aveva chiesto Vincenzo per tutto il viaggio e abbiamo preso la brioche come voleva lui”.

A raccontare la storia di Vincenzo in un video realizzato dalla Croce Rossa Italiana è il volontario Salvatore Intorre.

“Avevamo deciso di tornare a Palermo perché ci dicevano tutti che la situazione era grave ma c’era una piccola speranza di poter fare la chemio, mentre in Germania ci dicevano che non si poteva più fare”, ha raccontato la cognata Sabrina Filippone.

“Così ci siamo informati per il viaggio, in aereo non poteva salire e anche la macchina era sconsigliata. Quando la croce rossa ci ha detto che si poteva fare ci siamo sentiti confortati”.

“Ringraziamo Fabio Giammetta e tutti quelli della Croce Rossa che hanno riportato a Palermo mio nipote”, è stato il commento dello zio, Bartolomeo Leto.

Propri Giammetta aveva ricevuto la chiamata della madre di Vincenzo, che ha spiegato ai volontari l’idea di riportare il figlio a Palermo. Un viaggio emozionante non solo per il paziente, ma anche per i volontari, che hanno percorso 2000 chilometri per portare Vincenzo in Sicilia.

“Vederlo così speranzoso di tornare a casa ci ha dato forza nel viaggio. Si crea empatia con i pazienti ma in questo caso è stato ancora più forte”.

“Me lo aveva detto che quello sarebbe stato il suo ultimo viaggio”, ha raccontato la moglie Rosanna Filippone.

Vincenzo è riuscito ad arrivare in Sicilia a fine marzo, ma è morto poco dopo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il report dell’Aifa sui vaccini: 16 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate
Cronaca / Imola, violenta la figlia 15enne e la mette incinta
Cronaca / 21 morti e 6.596 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 3,05%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il report dell’Aifa sui vaccini: 16 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate
Cronaca / Imola, violenta la figlia 15enne e la mette incinta
Cronaca / 21 morti e 6.596 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 3,05%
Cronaca / Stella di David all’ingresso del bar: la protesta di un gestore contro il Green Pass
Cronaca / Focolaio di Covid a un matrimonio, almeno 40 invitati positivi
Cronaca / Le lauree che fanno trovare subito lavoro (e guadagnare di più)
Cronaca / Alto Adige, chiuso l’hotel “no mask” a 4 stelle: “Ripetute violazioni delle norme anti-Covid”
Cronaca / Covid, il virologo Pregliasco: “Vacanze? Meglio starsene a casa”
Cronaca / Green pass, arriva il nuovo decreto: obbligatorio per i docenti e su navi, aerei e treni. Non per studenti e autobus
Cronaca / Anche in Germania si avvicina Green pass per ristoranti ed eventi