Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Torino, la trapper Chadia Rodríguez accusata di una rapina con lo spray al peperoncino

Immagine di copertina

La trapper Chadia Rodríguez indagata per una rapina con lo spray al peperoncino

La trapper Chadia Rodriguez è indagata dalla procura di Torino con l’accusa di aver partecipato a una rapina durante la quale è stato utilizzato dello spray al peperoncino.

Secondo quanto ricostruito dal Corriere della Sera, la cantante, di origine spagnole e marocchine, avrebbe rapinato con la complicità di due amici un ragazzo conosciuto in un bar.

L’artista, che aveva fatto parlare di sé per essersi esibita in topless al concertone del Primo maggio, l’8 settembre del 2017 avrebbe contattato la vittima per chiedergli un passaggio fino a Torino in cambio del pieno di benzina.

Una volta arrivato sul luogo dell’appuntamento al centro commerciale di Mondovì, Chadia avrebbe convinto l’uomo a far salire sull’auto anche due suoi amici.

Poi, durante il viaggio, la trapper avrebbe convinto l’autista a fermare la vettura in un luogo isolato vicino al cimitero Monumentale di Torino.

Qui, uno dei due complici avrebbe spruzzato lo spray al peperoncino in faccia al malcapitato, il quale è stato successivamente derubato di una catenina d’oro e del cellulare.

Secondo quanto riferito dalla vittima, i tre avrebbero anche provato a rubare l’auto, per poi dileguarsi all’interno del parco del cimitero.

L’inchiesta, condotta dai pm Paolo Scafi e Giuseppe Drammis e denominata “Chili pepper”, è una costola di un altro filone investigativo, partito dopo i fatti avvenuti la sera del 3 giugno 2017 in Piazza San Carlo nel corso della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid in cui una baby gang spruzzò dello spray urticante scatenando il panico in piazza e provocando la morte di una donna e il ferimento di oltre 1500 tifosi.

Dopo i fatti di piazza San Carlo, la procura ha scoperto decine di episodi che vede coinvolti 53 ragazzi, i quali, attraverso lo spray al peperoncino, avrebbero messo a segno numerose rapine in discoteche italiane ed europee. Per quanto riguarda Chadia Rodriguez, invece, la trapper avrebbe partecipato a una sola rapina, quella precedentemente raccontata.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.377 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1%
Cronaca / Papa Francesco: “Alcuni mi volevano morto, preparavano il conclave”
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.377 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1%
Cronaca / Papa Francesco: “Alcuni mi volevano morto, preparavano il conclave”
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti