Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Trapianto in blocco di cuore e polmoni: salvata ragazza di 19 anni

Immagine di copertina

Aurora, 19 anni, è tornata a vivere dopo aver subito un trapianto in blocco di cuore e polmoni. E’ stata una corsa contro il tempo da quando la giovane paziente e i suoi genitori hanno capito che le cure farmacologiche non stavano funzionando contro l’ipertensione polmonare diagnosticata a maggio che la stava uccidendo. La diciannovenne si era insospettita per via di alcuni sintomi anomali alla sua giovane età: fiato corto, stanchezza e gonfiori alle gambe. Non si aspettava però che si trattasse di una patologia così fatale. Dopo poco tempo non poteva più respirare autonomamente e la sua circolazione sanguigna era mantenuta artificialmente. L’unica alternativa rimasta era il trapianto in blocco di cuore e polmoni. Dall’ospedale di Bari è volata con un volo militare d’urgenza verso l’ospedale specializzato Centro Trapianti Cuore-Polmone delle Molinette di Torino dal quale è stato lanciato l’appello per un dono di cuore e polmoni compatibile. Dopo cinque giorni, dal Centro Nazionale Trapianti di Trieste è arrivata una risposta positiva, l’équipe prelievi si è precipitata a recuperare gli organi.

In Italia sono stati effettuati 238 trapianti di cuore nel 2020 su 670, mentre i trapianti di polmoni eseguiti dal 2016 al 2019 hanno avuto un tasso di sopravvivenza del 75 per cento secondo i dati del Cnt. La più grande difficoltà è trovare un donatore che sia compatibile. Nei casi estremi come quello della paziente salvata a Torino, nei quali il malato sia già dipendente da circuiti esterni per la sopravvivenza, si ricorre a una lista d’urgenza di donatori.

Dal reparto di Cardiorianimazione, coordinato dalla dottoressa Anna Trompeo, si è tratto un sospiro di sollievo dopo dodici ore di operazione eseguita dal professor Mauro Rinaldi e dal professor Massimo Boffini, assistiti dagli anestesisti Antonio Toscano e Federico Canavosio. L’intervento, giudicato “eccellente” e unico nel suo genere dagli esperti, è stato salutato dal dottor Giovanni La Valle, direttore della Città della Salute di Torino: “E’ una storia bellissima a lieto fine per la giovane ragazza e per la vita da vivere che ha ancora davanti a sé. Complimenti alle nostre équipes ed al sistema trapianti, che ancora una volta si confermano punto di eccellenza della Città della Salute”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riscaldamenti, il decreto del ministero: un grado e 15 giorni in meno di accensione
Cronaca / Udine, ha un malore durante una videoconferenza: muore a 32 anni davanti ai colleghi
Cronaca / Nuova maxi bolletta da 20mila euro per la storica gelateria romana Fassi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Riscaldamenti, il decreto del ministero: un grado e 15 giorni in meno di accensione
Cronaca / Udine, ha un malore durante una videoconferenza: muore a 32 anni davanti ai colleghi
Cronaca / Nuova maxi bolletta da 20mila euro per la storica gelateria romana Fassi
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Inaugurato il vertiporto di Fiumicino: gli aerotaxi decolleranno nel 2024
Cronaca / “Era a caccia di prede. Fermatelo, è un mostro”: il racconto della donna vittima di stupro a Garbatella
Cronaca / Brescia, padre barricato in casa con il figlio: liberato il minore
Cronaca / Roberto Spada è tornato libero: a Ostia festeggiamenti con fuochi d’artificio per il boss della testata
Cronaca / Neonato lasciato in un sacchetto di plastica: “Sta bene, un miracolo che sia vivo”
Cronaca / Roma, attirano in trappola 17enne con sindrome di Down e lo picchiano: sotto accusa sei 15enni