Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Torino, scuola vieta l’ingresso a due professori senza Green Pass: “Siamo stati respinti dal preside”

Immagine di copertina

Torino, scuola vieta l’ingresso a due professori senza Green Pass: “Siamo stati respinti dal preside”

Due professori di una scuola superiore di Torino hanno sporto denuncia ai carabinieri dopo essere stati respinti dal preside della scuola dove insegnano, perché privi del green pass. I due docenti Curie-Levi, questa mattina si sono presentati per il primo giorno di scuola con un certificato medico, che il preside non ha ritenuto valido per consentirgli di accedere a scuola.

I due, tra cui un attivista noto per la sua attività nel movimento Pas (Priorità alla scuola), sono rimasti per due ore davanti all’istituto, chiedendo di poter accedere sulla base dell’esenzione al vaccino in vigore nella scuola fino al 30 settembre. Tuttavia il preside non avrebbe accettato il certificato, che sarebbe stato rilasciato da un medico autorizzato alla campagna vaccinale, perché non firmato dal medico curante.

Oggi è entrato in vigore per gli insegnanti e i membri del personale scolastico l’obbligo del green pass, il certificato che viene rilasciato a chi risulta negativo al tampone, è guarito da Covid-19 o è risultato vaccinato. L’introduzione dell’obbligo è considerato necessario dal governo per garantire il ritorno della scuola in presenza dopo le restrizioni dovute alla pandemia. In Italia più del 90 percento di insegnanti e membri del personale amministrativo, tecnico e ausiliario (Ata) delle scuole hanno ricevuto almeno una dose di vaccino.

Oggi il presidente dell’Associazione nazionale dei presidi Antonello Giannelli, ha proposto di sospendere per 15 giorni chi non ha il green pass, sostituendolo con un supplente. “Chi non ha il green pass è come se non fosse più abilitato al suo lavoro, perché il green pass è un requisito per i dipendenti della scuola. Se nei quindici giorni fa il vaccino o il tampone, riacquista il requisito”, ha detto in un’intervista al Corriere della sera, dicendosi preoccupato per la gestione delle supplenze per sostituire chi non ha il green pass. “[I supplenti] dovrebbero prendere servizio senza sapere se l’insegnante che sostituiscono il giorno dopo si presenta col tampone”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Ti potrebbe interessare
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi