Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Torino, chiuso un canile abusivo in un condominio

Immagine di copertina

In un condominio a Torino, al piano terra e nel seminterrato della palazzina, si trovava un canile abusivo. È stato immediatamente chiuso e i cani sono stati consegnati ai rispettivi proprietari. I controlli sono scattati dopo che i residenti del condominio hanno segnalato l’ipotetica presenza del canile di via Benevento, in zona Vanchiglietta.

Qualche mese fa gli agenti del Comando Territoriale VII della Polizia Locale insieme ai medici veterinari dell’Asl di Torino avevano trovato otto cani, ma la responsabile ha spiegato che i locali erano affittati a un’associazione che si dedicava soltanto alla loro educazione e riabilitazione. Quando la polizia locale ha effettuato un secondo controllo i cani erano 17 in 140 metri quadrati. Tutti avevano il chip. I locali, inoltre, versavano in scarse condizioni igienico sanitarie. “Sia i pavimenti del piano terra che quelli del piano interrato erano cosparsi di innumerevoli deiezioni e l’aria era intrisa di un odore acre dovuto anche alla scarsa pulizia degli animali”, hanno fatto sapere gli operatori.

La legale rappresentante dell’associazione è stata multata perché gestiva una struttura di ricovero per cani senza autorizzazione sanitaria, titolo necessario per la gestione e accoglienza di cani in numero superiore a cinque e per detenzione di due animali non registrati all’anagrafe canina. Il totale è di quasi 600 euro di multa.

Come riporta Repubblica, l’associazione si è difesa spiegando che “c’è stato un malinteso sul numero di cani, nessuna intenzione di diventare un canile e non parliamo di 140 metri quadri di struttura ma del doppio, per di più in locali che prima erano destinati a un asilo per cani, quindi predisposti all’ospitalità con superfici lavabili e prese chiuse”. E ha aggiunto: “I locali venivano puliti più volte al giorno e i cani uscivano almeno tre, come non avviene nei canili comunali dove dormono sul cemento e non in cucce e divani come da noi”. Inoltre, hanno spiegato che la chiusura è avvenuta per altre ragioni e che hanno fatto esposti ai carabinieri: “Venivamo continuamente importunati dal vicinato, la ragione principale per cui abbiamo chiuso la sede”, hanno detto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / TPI insieme a Domani per la libertà di stampa in Italia
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”
Cronaca / Gino Cecchettin: "Dopo la morte di Giulia volevo vendicarmi di Turetta"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / TPI insieme a Domani per la libertà di stampa in Italia
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”
Cronaca / Gino Cecchettin: "Dopo la morte di Giulia volevo vendicarmi di Turetta"
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Cronaca / Salerno, bambino di 15 mesi muore azzannato da due pittbull
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera