Bomba d’acqua a Palermo: due vittime annegate in auto

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 15 Lug. 2020 alle 19:58 Aggiornato il 15 Lug. 2020 alle 20:03
202
Immagine di copertina

Un violentissimo temporale si è abbattuto su Palermo oggi, mercoledì 15 luglio, e la città va in tilt. Ci sarebbero due vittime in via Leonardo Da Vinci, persone intrappolate nell’auto completamente sommersa d’acqua. Stanno intervenendo i sommozzatori dei vigili del fuoco.

Temporale a Palermo, le situazioni più critiche

Tra le situazioni più critiche si registrano quelle in viale Regione Siciliana. L’arteria che attraversa la città è un un fiume in piena: traffico in tilt, macchine trascinate dalla furia dell’acqua e automobilisti, tra cui anziani, che a nuoto cercano di raggiungere un luogo sicuro, abbandonando i mezzi. Sul posto, le forze dell’ordine. Decine, le chiamate al centralino dei vigili del fuoco. I punti più critici sono i sottopassi della circonvallazione, da viale Lazio a via Belgio e via Leonardo da Vinci: automobili rovesciate travolte e trascinate. In centro storico – nella zona di Ballarò – l’acqua, in alcuni vicoli, raggiunge il mezzo metro e le persone restano chiuse in macchina.

Decine di auto sono rimaste impantanate in via Brunelleschi, a piazza Ingastone, in via Messina Marine vicino al Buccheri La Ferla, ma anche vicino agli ospedali Civico e Policlinico. Lunghe code in viale Regione Siciliana per i sottopassi allagati. Oltre cento le chiamate ai vigili del fuoco in due ore anche per infiltrazioni d’acqua negli appartamenti.

Numerosi gli interventi per le grondaie pericolanti e per allagamenti nelle abitazioni a piano terra e nei magazzini. Oltre alle squadre dei vigili del fuoco, stanno arrivando in soccorso dei cittadini anche le forze dell’ordine. Attualmente sono piovuti 79,4 millimetri di acqua. È il record per un giorno di luglio dal 1797 a Palermo. È l’unica città europea ad avere una serie meteorologica completa da due secoli.

L’allerta dell’AMAP

Strade allagate anche a Mondello, località balneare del capoluogo siciliano. “Tutte le paratie degli sbocchi a mare del sistema di smaltimento delle acque piovane sono già aperte da ore così come sono operative le squadre di emergenza che operano in regime di reperibilità”, afferma l’amministratore della partecipata comunale Amap (Azienda Municipalizzata Acquedotto di Palermo), Alessandro Di Martino, che da alcune ore è in contatto con il sindaco, Leoluca Orlando, e con le strutture della protezione civile per monitorare la situazione determinata dalle forti precipitazioni in corso. “La bomba d’acqua che ha colpito la città come altre città in tutta la penisola non era stata preannunciata e quindi non erano attive le normali misure di prevenzione previste in caso di allerta meteo – prosegue -. Sono situazioni meteorologiche estreme e non prevedibili almeno in questa intensità, ma l’Amap sta intervenendo con tutte le proprie strutture”.

La polemica di Salvini contro Orlando

“A furia di pensare solo agli immigrati, il sindaco Orlando dimentica i cittadini di Palermo: basta un temporale e la città finisce sott’acqua, per non parlare delle bare accatastate al cimitero dei Rotoli. I palermitani meritano molto di più”, attacca il leader della Lega Matteo Salvini.

Leggi anche: Allerta meteo su TPI

202
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.