Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Affitti alle stelle e caro-bollette, gli studenti di Bologna a TPI: “Così ci tolgono il diritto allo studio”

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Bologna, settembre 2022. In città si incrociano e si sovrappongono la corsa al voto e la corsa alla casa. E in questo corto circuito gli affitti – già cari – esplodono, letteralmente, per via del caro bollette. Purtroppo non sono le elezioni (in cui per la prima volta i diciottenni votano anche al Senato), la priorità di studenti e studentesse dellUniversità di Bologna, ma le lezioni, questanno tutte in presenza. Impossibile, però, studiare senza un tetto sopra la testa, un problema che si ripresenta sempre, quando si parla della realtà bolognese.

Studenti e studentesse di tutta Italia sono costretti ogni anno a dedicare un tempo sproporzionato della loro vita ad un piccola odissea: la ricerca della casa per proseguire gli studi universitari. Il problema è che gli affitti brevi continuano a impennarsi, alimentando un serpente che si morde la coda: prima la crescita della domanda ha prodotto quella dei prezzi, fino a 500-600 euro bollette incluse.

E oggi le tariffe di luce e gas producono una nuova bolla, su un mercato che era già impazzito. Così lemergenza abitativa diventa più attuale che mai, al punto di rischiare di mettere in discussione il diritto allo studio. Spiega Fatima: “Di aumento in aumento nessuno è in grado di dire quando e se l’impennata si fermerà”.

Già, la ricerca è stressante, spesso più della sessione desami, e lo conferma Dafne che ha appena trovato casa e paga circa 400 euro per una camera doppia (anche se in nero):Se fossi stata una settimana in più, in quello stato di stress, avrei cercato altrove. Avevo la sessione desami, in più lavoravo”. Poi aggiunge, quasi sconfortata:Non avevo mai pensato di lasciare luniversità. Ma ma di lasciare Bologna, sì, proprio oggi”.

Gli annunci si trovano prevalentemente su gruppi Facebook anche se molto spesso gli inserzionisti bolognesi non rispondono. Molti raccontano di aver mandato anche 40, 200, 3000 messaggi, ma il bilancio è sempre lo stesso. Quelle inserzioni sono “esche” per esasperare i ragazzi.

Questo meccanismo lo spiega sempre Fatima, che vive fuori dalle mura e paga 500 euro al mese per una singola: Ho cercato casa sempre, da ottobre fino a metà maggio. Ci dedicavo almeno tre ore al giorno senza risultati e – continua – ero davvero disperata. Cambiare università sembrava più facile  che cambiare casa.poi ho trovato. E ho dovuto accettare il nero”.

Una possibile soluzione sono gli studentati privati. Come il bellissimo Student Hotel, che ha anche camere a quattro stelle (per i genitori). Tuttavia la prenotazione deve avvenire con largo anticipo, come conferma Giovanni, che vive nella struttura da due anni:La situazione delle case a Bologna è tremenda, e per fortuna io qui mi sono prenotato ad ottobre dellanno scorso. Lo Student ora è completamente pieno”. Giovanni racconta che la retta dello studentato privato è alto (800 euro al mese) ma spiega: “Anche il prezzo é relativo. In una casa non avrei gli stessi servizi e dovrei pagarmi tutto a parte. Arriverei comunque a spendere la stessa somma”.

Se è vero che non tutti si possono permettere 800 euro al mese, è altrettanto vero che c’è chi è costretto a spenderli, come Beatrice, studentessa fuori sede, che spiega bene le difficoltà di accesso per i disabili: I prezzi sono carissimi e non siamo riusciti a trovare un appartamento facilmente accessibile per una ragazza con la sedia a rotelle. Avevo trovato una soluzione, ma costava 1200 euro al mese, un monolocale. Ero costretta a dormire con la persona con cui vivevo. Fortunatamente eravamo amiche”. Beatrice descrive la sua estenuante ricerca:Per me è impossibile trovare spazio. Anche sentendo le associazioni di co-housing, i posti per persone con disabilità erano tutti occupati. Le strutture ecclesiastiche non sono accessibili e negli studentati privati mi chiedevano 800 euro a persona. Ma io pago anche per laccompagnatore, quindi servivano 1600 euro”.

Fortunatamente Beatrice alla fine ha trovato alloggio nello studentato pubblico Er.Go (LEnte Regionale per il Diritto agli Studi Superiori). Oggi dice che lesperienza è positiva e paga 570 euro mensili una cifra più sostenibile sicuramente, anche se con il mio accompagnatore si raddoppiano”.

Chi entra nello studentato pubblico si considera fortunato, perché, ricorda Firdaous, non tutti i richiedenti alloggio entrano in graduatoria, “Questestate ho pensato di andarmene e cercare casa. Alla fine ho evitato. Qua pago 230 euro al mese, detratti dalla borsa di studio. I miei genitori mi hanno detto: ’Se entri allo studentato pubblico e lo lasci, sei stupido’. Non tutti hanno questa possibilità, perché servono anche voti alti e frequenza”. Firdaous fa emergere un altro rito umiliante dell’odissea casa: i colloqui. Ricorda:Quando cercavo casa su Facebook usavo un altro profilo e un altro nome. Infatti, appena vedono un nome straniero, non ti rispondono più. Quando sono andata a visitare la casa, la ragazza con cui ho parlato ha cambiato faccia e mi ha chiesto: ‘Sei italiana?’. Ci sono rimasta male”. Fatima definisce i colloqui interminabili” e aggiunge: “Ti chiedono cose assurde: lISEE, il lavoro dei  tuoi genitori, la loro buste paga. Alcuni mi hanno fatto venire dalla Calabria e all’ultimo minuto mi hanno cancellato lappuntamento”.

Se un problema sono i prezzi alti, laltro sono le condizioni delle abitazioni:Singole sui 500 euro: stanze buie, piccole, sprovviste di scrivanie e per giunta in case sovraffollate”. Esempio choc: Il  letto era incastrato tra una parete e laltra e occupava metà stanza, 500 euro al mese. Piccolo problema: non aveva nemmeno una finestra”. Sospiro: Una era uno sgabuzzino, ci avevano messo un letto e così la porta non si apriva più del tutto. Come armadio cera un appendiabiti in corridoio. Prezzo? 300 euro più le spese”. Adesso però gli affitti crescono di mese in mese. E chi pagava a forfeit si sente dire: “O rinegozi o te ne vai”.

Così gli studenti sono di continuo sottoposti a ricatto: spesso non puoi scegliere. Ti senti stressante e precario. La paura di perdere casa perché la domanda regala ai locatori un potere enorme: “Ci metto un secondo a trovare un altro!”. Il costo della vita cresce in tutto, e si somma a quello dellaffitto, il desiderio di lavorare per non pesare sulle famiglie, però, rischia di rallentarti negli esami. Per questo solo chi é sostenuto dai genitori può studiare a Bologna senza problemi. Una buona parte della comunità studentesca oggi lavora di sera, proprio per dare respiro alla famiglia, sottraendo così tempo prezioso allo studio (che dovrebbe essere il primo obiettivo di chiunque si iscriva). È chiaro che il peso si scarica soprattutto sugli  studenti delle famiglie meno abbienti. La crisi si abbatte su questo equilibri già precari e li fa saltare. Un ragazzo mi dice: “Per la prima volta mi chiedo se riuscirò a non mollare”.

Nellultimo anno lAteneo ha fatto passi avanti. Ha portato il tema alla luce, ha preso consapevolezza della necessità di un dialogo con Comune e Regione, e con le associazioni di proprietari. Da poco l’Università ha avviato un bando di 1000 euro per 600 studenti in affitto e anche il Comune (in accordo con la Regione) ha proposto un contributo affitto di tre mesi l’anno. Ma gli studenti fuori sede iscritti a Bologna sono più di 40 000. Sono dunque bonus limitati, anche se pare che si stia iniziando a trattare il problema in maniera strutturale: bisognerebbe  regolamentare il mercato degli affitti brevi, tassare le ricche rendite di piattaforme come Booking e Airbnb, regolamentare meglio il canone concordato (da questanno esteso anche studenti e lavoratori fuorisede). E soprattutto riqualificare gli spazi sfitti (la città ne ha molti) e implementare l’edilizia pubblica.

Malgrado le lunghe discussioni di risultati concreti ancora non se ne parla. Così agli universitari non resta che esercitare pressione politica tramite la rappresentanza studentesca e altre forme di contestazione. È chiaro che tutto questo non basta più, perché la crisi economica trasforma il problema in emergenza. L’ultima tema è come la città considera gli studenti e le studentesse: come vacche da mungere, figuredi passaggio”. O, invece, come una linfa vitale delle città? Si diceva di Bologna: é dotta, grassa e rossa. Ma oggi  i dotti non hanno casa, di grasso c’è solo il profitto dei proprietari, e sembra che sia rimasto solo il rosso: ma è quello dei conti correnti delle famiglie.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto