Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Spia russa infiltrata nella base Nato a Napoli per quasi dieci anni”: l’inchiesta sull’agente del Gru in Italia

Immagine di copertina

Una spia russa è riuscita a infiltrarsi nel quartier generale della Nato a Napoli. Si tratta della “più clamorosa operazione di intelligence realizzata da Mosca nel nostro Paese” e a rivelarlo è un’inchiesta condotta per dieci mesi da Repubblica, dal sito investigativo Bellingcat, dal settimanale tedesco Der Spiegel e da The Insider.

La protagonista della vicenda è Maria Adela Kuhfeldt Rivera, una trentenne nata in Perù da padre tedesco che parla sei lingue e che ha avviato un’azienda di gioielli. In realtà il suo nome è Olga Kolobova, figlia di un colonnello russo che si è occupato di intelligence, ed è una spia russa del Gru, i servizi segreti russi che fanno capo direttamente al Cremlino. Ha costruito la sua ragnatela tra Parigi, Malta, Roma e sotto il Vesuvio. L’agente è riuscita a inserirsi nei circoli mondani di Napoli, ha inaugurato una “concept gallery”, ha comprato una casa vista mare nel quartiere di Posillipo, in via Petrarca, ed è diventata segretaria del Lions Club “Napoli Monte Nuovo”, club fondato dagli ufficiali della base Nato di Lago Patria. Ha partecipato a vari eventi e proprio in quegli ambienti Adela è riuscita a infiltrarsi tra le “figure chiave” della Nato e della VI Flotta statunitense, che è il vertice operativo del potere militare occidentale in Europa. La missione è durata quasi dieci anni fino a quando la spia non ha fatto perdere le proprie tracce nel 2018, “immediatamente dopo le rivelazioni sugli 007 russi che hanno sparso veleni letali attraverso l’Europa”. La donna è partita “all’improvviso da Napoli con un volo per Mosca, senza più riapparire”, hanno spiegato i giornalisti.

L’inchiesta “non è riuscita a ricostruire quali informazioni siano state ottenute dalla spia, né se sia stata capace di seminare virus informatici nei telefoni e nei computer dei suoi amici”, si legge. Però quel che è certo è che “nessun agente russo era mai riuscito a penetrare così in profondità il vertice dell’Alleanza atlantica”, ha rivelato l’indagine. I giornalisti hanno anche sottolineato che “La traccia principale che la collega ai servizi segreti di Mosca è il passaporto russo usato per entrare in Italia: appartiene alla stessa serie speciale utilizzata dagli 007 del Gru, l’intelligence militare agli ordini del Cremlino”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto
Cronaca / Mercalli a TPI: “Marche? Era impossibile prevedere”
Cronaca / Saman Abbas, il racconto del cugino indagato: “Uccisa con una corda e gettata nel Po”