Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Trieste piange i poliziotti uccisi nella sparatoria: in migliaia scendono in strada per la fiaccolata

Le foto e i video della commovente fiaccolata nel centro della città friulana per esprimere vicinanza agli agenti che hanno perso la vita lo scorso 4 ottobre

 

Sparatoria a Trieste: la fiaccolata in memoria dei poliziotti uccisi

Dopo la Sparatoria a Trieste, la città si raccoglie nel silenzio. “Quando Matteo mi ha detto che saremmo diventati vicini di casa ci siamo abbracciati. Facevamo sempre così, ci stringevamo forte forte, non pensavo sarebbe stata l’ultima volta”. Lorena è in piedi fuori dalla Questura di Trieste. Lì, a pochi metri da lei, nel cuore del palazzo, fiori e candele accompagnano le fotografie di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i due poliziotti uccisi nel pomeriggio di venerdì 4 ottobre. I suoi amici.

Con lei c’è l’intera città, migliaia di persone che inondano le strade e la chiesa Beata Vergine del Rosario, dove l’arcivescovo Giampaolo Crepaldi officia la messa in loro ricordo.

Credit: Kevin Zinati

Lorena cammina, si accende una sigaretta, abbraccia le amiche, sorride, piange. “Essendo tutti ragazzi del sud – spiega la ragazza – avevamo creato una bella famiglia, eravamo tutti uniti. Senza avvisarci ci trovavamo al mare o a qualche serata. Ricordo quando l’anno scoro mi rubarono il cellulare, la prima persona che chiamai fu Matteo. Mi aiutò a fare la denunce, restò tutto il giorno con me. Conoscevo anche Gigi, era riservato ma sapeva davvero farsi voler bene”.

Tra la folla, fuori dalla chiesa, il silenzio è rotto solo dagli applausi all’uscita dei famigliari di Matteo e Pierluigi, dietro, le istituzioni.

Ci sono il ministro Stefano Patuanelli e il vicepresidente della camera Ettore Rosato, seguiti anche dal governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, dalla deputata Debora Seracchiani e dal sindaco Roberto Dipiazza, visibilmente segnato dal dolore.

In chiesa l’arcivescovo prega per i due poliziotti, fuori qualcuno distribuisce bastoncini di cera e lumini rossi.

Come quelli tra le mani di Martina, un’amica di Matteo Demenego a cui ha voluto dedicare poche, semplici, bellissime parole: “Voglio solo dirgli di continuare a ballare e a sorridere come ha sempre fatto”.

Credit: Kevin Zinati

Intanto, la fiaccolata silenziosa brilla per i vicoli e le stradine. Nella serata di preghiera di ieri, non hanno trovato spazio le polemiche, la rabbia o le vuote speculazioni sui dubbi che restano su pochi dettagli della dinamica che ha portato la mano di Alejandro Augusto Stephan Meran, 29enne di origini domenicane, a sparare ai due giovani agenti.

La città ieri ha reso omaggio ai suoi poliziotti come una famiglia vera sa fare. Con rispetto e dignità, con amore. Un sentimento vero e spontaneo che ha coinvolto tutti.

Anche i bambini, tantissimi, che con le loro candele, strette tra le mani piccole e sicure, hanno illuminano la notte di Trieste.

Credit: Kevin Zinati

Leggi anche:

Sparatoria di Trieste: la ricostruzione completa
Sparatoria a Trieste, il sindaco Dipiazza a TPI: “I poliziotti non sono più sicuri in Italia, siamo in guerra”
Chi sono i due poliziotti uccisi nella sparatoria di Trieste
Chi è Alejandro Augusto Stephan Meran, l’uomo che ha ucciso i due poliziotti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La suocera di Soumahoro indagata anche per truffa aggravata e false fatturazioni
Cronaca / Ancona, camion si ribalta e schiaccia un’ambulanza: morti autista e paziente
Cronaca / “Intervenite sugli alvei o avremo un’alluvione”: le denunce inascoltate dell’ex sindaco di Casamicciola
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La suocera di Soumahoro indagata anche per truffa aggravata e false fatturazioni
Cronaca / Ancona, camion si ribalta e schiaccia un’ambulanza: morti autista e paziente
Cronaca / “Intervenite sugli alvei o avremo un’alluvione”: le denunce inascoltate dell’ex sindaco di Casamicciola
Cronaca / Macerata: uccide la madre a colpi di forbici, poi tenta di darle fuoco
Cronaca / Novellara, recuperato il corpo di Saman Abbas. I resti esumati saranno analizzati a Milano
Cronaca / Frana Ischia, trovato il corpo dell’ottava vittima: ancora 4 i dispersi. Aperta un’inchiesta
Cronaca / Rieti, il messaggio della moglie del sindaco su Facebook diventa virale: “Quando hai finito di fare serata, io sto sola con un bimbo”
Cronaca / Il Black Friday di Giorgia: la premier fa shopping in una boutique del centro e si ferma a fare i selfie
Cronaca / Incontro Renzi-Mancini, Ranucci: “Report trasparente, lo dicono fonti Procura”
Cronaca / Roma, 14enne denuncia i genitori: la costringevano a mendicare e l’avevano promessa in sposa a uno sconosciuto