Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, lo youtuber Social Boom entra nella “zona rossa” di Codogno: ecco cosa rischia adesso

Immagine di copertina

Coronavirus, Social Boom entra nella “zona rossa” di Codogno: cosa sta succedendo

Social Boom, youtuber conosciutissimo in Italia, ha deciso di entrare nella “zona rossa” di Codogno, il principale focolaio del Coronavirus; di conseguenza, è stato convocato dalle autorità. Ma perché?

L’intento di Social Boom era di realizzare un servizio “bomba”, ma a Codogno vige da giorni un serrato coprifuoco imposto dallo Stato per far sì che il Coronavirus sia contenuto nell’area “rossa”. Ciò significa che niente entra e niente esce, o meglio, niente esce prima del termine dei 14 giorni di quarantena.

Lasciare Codogno senza il via libera delle autorità è punibile con una multa – fino a 206 euro – o persino con tre mesi di carcere: cosa spetterà a Social Booom?

Social Boom elude i controlli ed entra nella zona rossa di Codogno: cosa rischia

Tutti lo conoscono con lo pseudonimo del web, ma il suo vero nome è Francesco; su YouTube è seguitissimo (quasi 400 mila persone) ed è stata proprio la fama a spingerlo oltre i confini, eludendo la barriera attorno a Codogno soltanto per realizzare un servizio da propinare poi ai suoi follower.

Social Boom però non ha nascosto nulla della sua folle impresa, anzi, ha condiviso tutto via social.

“Una volta entrato nella zona rossa abbiamo iniziato a riprendere facendo meno rumore possibile e iniziando a vedere tutto ciò che c’era di interessante. Non c’erano persone (…) Fin qui tutto bene, se non fosse che una delle volanti del primo cerchio si è staccata dalle altre, evidentemente perché aveva visto qualche movimento sospetto, ed è entrata dentro questo paesino per cercarci. Una persona sana di mente se ne sarebbe andata. Ma ho detto: siamo a 50 metri da Codogno, proviamo a entrare. Siamo andati ulteriormente avanti e abbiamo incontrato un altro cerchio di volanti. Ovviamente ci siamo fermati a parlare con loro”, ha raccontato l’influencer.

Per concludere il suo discorso, Social Boom spiega: “Si può tranquillamente entrare nella zona rossa, si possono passare tutti e gli otto cerchi in piena tranquillità, ma non si può uscire per 14 giorni”.

La sua intenzione è quella di rientrare a Codogno. Cosa succederà a Social Boom?

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Il Green pass rende liberi”, preside di Ferrara rievoca Auschwitz: sospeso dal servizio
Cronaca / Feltri difende Barbara Palombelli: “Sui femminicidi ha ragione”
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli, il domestico: “L’ho lasciato cadere”
Cronaca / 2.407 nuovi casi e 44 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2%
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”