Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Messina: scoperti oltre 20 boss mafiosi con il reddito di cittadinanza

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 23 Dic. 2020 alle 08:49
860
Immagine di copertina

Sicilia: scoperti boss della mafia con il reddito di cittadinanza

Almeno 20 boss condannati definitivamente per mafia, o loro familiari, avrebbe incassato illegittimamente il reddito di cittadinanza.

È quanto scoperto dagli agenti della guardia di finanza di Messina, che hanno denunciato 25 persone e sequestrato i 330mila euro complessivamente riscossi dagli indagati.

I mafiosi indagati appartengono ai clan più importanti della città di Messina: dai Santapaola-Romeo ai Batanesi-Bontempo Scavo fino ai Cintorino.

Tra le attività illecite per cui i soggetti coinvolti nell’indagine risultano essere stati condannati, spiccano le estorsioni, l’usura, il traffico di sostanze stupefacenti, il voto di scambio, il maltrattamento e l’organizzazione di competizioni non autorizzate di animali.

Reati omessi dai familiari dei boss condannati nel momento in cui è stata presentata la domanda di sussidio. Il reddito di cittadinanza, infatti, è riconosciuto ai nuclei familiari che, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, siano in possesso dei requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno, reddituali e patrimoniali previsti dalla legge e che non siano stati condannati, nell’ultimo decennio, con sentenza passata in giudicato, per reati di mafia.

Leggi anche: 1. Papa Francesco proclamerà santo Rosario Livatino, il “giudice ragazzino” ucciso dalla mafia / 2. Agrigento, il killer del giudice Livatino tra i beneficiari del reddito di cittadinanza / 3. Castaldi (M5S): “Su Colleferro e il reddito di cittadinanza strumentalizzazione penosa. Ma i controlli devono aumentare”

860
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.