Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lo sgombero di Primavalle e il bambino con i libri: un donatore anonimo gli pagherà la retta scolastica

Immagine di copertina
Credit: ANSA/Massimo Percossi

La Fondazione Luigi Einaudi ha regalato all'undicenne, diventato simbolo dello sgombero dell'ex scuola occupata, dieci volumi

Lo sgombero di Primavalle e il “bambino con i libri”: l’offerta di un donatore anonimo

L’immagine di Rayane è diventata il simbolo dello sgombero dell’ex istituto agrario di via Cardinal Capranica a Primavalle, avvenuto nella notte tra il 15 e il 16 luglio nella periferia di Roma Nord.

L’undicenne, che ora dovrà cambiare scuola, è stato fotografato mentre usciva del palazzo occupato, portando con sé alcuni libri osservato dalla polizia. I volumi tenuti stretti tra le braccia, come ha riportato Repubblica in un’intervista alla madre del ragazzo, sono i testi con cui studia e sono i libri del padre che durante la settimana ricerca pezzi vintage da proporre sul suo banchetto di antichità nelle domeniche di Porta Portese.

>Sgombero a via Cardinal Capranica: il bambino, i libri e la “colpa” di essere poveri

“Il bambino con i libri”, come inizia a essere chiamato anche dalla mamma Fatima, ha fatto il giro del web. La Fondazione Luigi Einaudi ha deciso di regalare a Rayane dieci testi che, si legge in un tweet della Fondazione, “potranno seguire il suo percorso di studi. Le autorità ci facciano sapere come e dove possiamo recapitarli”.

Non solo perché, come riportato dalla Fondazione, a volere dare una mano al giovane studente è stato anche un anonimo donatore che, contattando la Fondazione, si è offerto di pagare la retta di un anno scolastico.

bambino primavalle fondazione feltrinelli

“Metto a disposizione personalmente la retta di un anno della scuola o del convitto che potesse frequentare per studiare, a condizione unica del mio totale anonimato. Ritenetemi a disposizione”, si legge nel tweet che riporta il messaggio dell’anonimo benefattore.

Dopo le sgombero, un terzo dei bambini di via Cardinal Capranica è stato ospitato nel centro di accoglienza del Comune in piazzale delle Gardenie, nel quartiere di Centocelle. I restanti hanno trovato posto in strutture analoghe a Torre Maura e Casalotti, e una minoranza è stata accolta in altri edifici occupati.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pullman scoperto della Roma: le strade chiuse oggi, deviazioni, metro chiusa, bus
Cronaca / Donna uccisa a coltellate a Vittoria, fermato il killer: “Omicidio casuale”
Cronaca / “Impossibile ignorare quelle fanciulle in fiore”: polemiche sul libro del prof che ha dato della “zoccoletta” a un’alunna
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pullman scoperto della Roma: le strade chiuse oggi, deviazioni, metro chiusa, bus
Cronaca / Donna uccisa a coltellate a Vittoria, fermato il killer: “Omicidio casuale”
Cronaca / “Impossibile ignorare quelle fanciulle in fiore”: polemiche sul libro del prof che ha dato della “zoccoletta” a un’alunna
Cronaca / Stromboli, domato l’incendio scoppiato sul set di una fiction con Ambra Angiolini
Cronaca / Falcone spiato, dopo l’inchiesta di TPI presentata un’interrogazione in Senato
Cronaca / Regione Lazio, via libera alla legge sui diritti delle persone con disabilità
Cronaca / Covid, oggi 22.438 casi e 114 morti: il bollettino del 25 maggio 2022
Cronaca / Chi dice “no” al lavoro h24: la storia dell’atleta paralimpica Martina Caironi
Cronaca / Gratteri a La7: “Minacce di morte? Ho paura ma cerco di addomesticarla. Se mi fermo, mi sento un vigliacco”
Cronaca / Ilaria Capua: “Mi fermo per un anno. Il Covid ha cambiato le priorità di tutti noi, anche personali”