Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Secca del Po, i comuni del lago di Garda: “Non diamo la nostra acqua”

Immagine di copertina

La grande secca del Po si fa ogni giorno più grave, ma i comuni che si affacciano sul lago di Garda – che resiste, ma non si trova in condizioni ottimali – non vogliono rispondere all’appello lanciato del segretario generale dell’Autorità distrettuale del Po, Meuccio Berselli, e dare sostegno idrico al fiume. Pierlucio Ceresa, segretario generale della Comunità del Garda, ha spiegato a Repubblica che trasferire parte della propria acqua sarebbe inutile e problematico: il lago oggi ha un riempimento del 63 per cento circa, uno dei livello più bassi degli ultimi anni, e “prestare” 20/30 metri cubi di acqua al secondo richiesti dal Po non risolverebbe veramente i problemi del principale fiume d’Italia, a cui ne servirebbero 50, ma apporterebbe un danno al lago, che già assicura parte delle sue acque al vicino fiume Mincio.

Secondo i rappresentanti dell’ente che riunisce giuridicamente i Comuni del lago la richiesta di sostegno al Po è inaccettabile per motivi “meramente tecnici”: attraverso la diga di Salionze, che si trova a sud del Garda, il lago indirizza una porzione di acqua al Mincio e ai due canali artificiali del Seriola e del Virgilio. Dirottare il trasferimento verso il fiume significherebbe togliere acqua a questi bacini, danneggiando l’ittofauna, la navigazione o l’uso agricolo dell’acqua in un momento in cui questa non abbonda per nessuno.

Non possono usare il nostro lago come un serbatoio da riempire di inverno e svuotare d’estate negli interessi degli utilizzatori di valle. Altrimenti è come la storia della formica e della cicala”, ha continuato Ceresa, spiegando che per risolvere i problemi del fiume bisognerebbe risparmiare acqua in inverno, utilizzando per esempio colture meno idrovore e sistemi di irrigazione “non più a scorrimento ma a goccia” e nuovi bacini di accumulo per tenere l’acqua quando serve. “Bisogna prevenire, non curare”, ha aggiunto. Ma dopo 110 giorni senza pioggia non si può pensare in termini di prevenzione: quella del Po è un’emergenza.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Papa nominerà due donne al dicastero dei Vescovi: è la prima volta nella storia
Cronaca / Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”
Cronaca / Consumi, le famiglie non hanno mai speso così tanto per energia, gas e carburanti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il Papa nominerà due donne al dicastero dei Vescovi: è la prima volta nella storia
Cronaca / Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”
Cronaca / Consumi, le famiglie non hanno mai speso così tanto per energia, gas e carburanti
Cronaca / Napoli, bufera sulla pizzeria “Dal Presidente” per una storia omofoba su Instagram
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”
Cronaca / Rifiuti, economia circolare, normativa Pfand: l’Italia è ancora al Medioevo. Per fortuna c’è l’Europa
Cronaca / Ius scholae, l’appoggio di Famiglia Cristiana: “Atto di giustizia”
Cronaca / Scontro tra tir sull’A21, colonna di fumo visibile da chilometri
Cronaca / Marmolada, Toni Valeruz: “Tragedia evitabile. La montagna è irriconoscibile rispetto a venti anni fa”
Cronaca / Roma, bambino di due anni e mezzo annega a Santa Severa