Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Sea Watch, Di Battista: “I migranti sbarchino, poi vengano ridistribuiti negli altri Paesi Ue”

Immagine di copertina

Sea Watch | Di Battista | Sbarco migranti | M5S

SEA WATCH DI BATTISTA M5S – Dai “porti chiusi” di Matteo Salvini ai porti aperti di una parte del Movimento 5 Stelle. Le posizioni degli esponenti della maggioranza giallo-verde sulla vicenda della Sea Watch 3 dimostrano (confermano) quanto sia variegato il fronte governativo sui migranti. L’ultimo intervento che sembra distante dalla linea dura della Lega è quella di Alessandro Di Battista, il massimo rappresentante dell’ala ortodossa M5S che si contrappone a quella moderata di Luigi Di Maio, che dice sì allo sbarco.

Sea Watch Di Battista | Sbarco migranti | M5S

“Occorre – ha detto l’ex deputato – combattere il problema alla radice, non saranno muri, fili spinati a porti chiusi a frenare qualcosa di negativo, perché i flussi sono un qualcosa di negativo, sono deportazioni. Mentre la Sea Watch è ferma in questo momento continuano a sbarcare tante persone” in Italia.

Di Battista è intervenuto nel corso della presentazione del suo libro a Roma, alla Mondadori del quartiere Prati. “Io li farei sbarcare, perché intervenga la magistratura per poi ridistribuire questi disgraziati in altri Paesi”, ha aggiunto.

“Ciò che occorre – ha continuato l’ex parlamentare – non è semplice, occorre combattere la radice del problema altrimenti tra sei mesi staremo da capo a dodici. Il tema migratorio oggi è la più grande arma di distrazione di massa, mentre il popolo viene diviso con dichiarazioni anche assurdo chi detiene il potere continui a spartirsi l’Italia sulla nostra pelle. Mentre in questi 14 giorni questi disgraziati stanno su una nave, quante persone sono decedute nel deserto in Africa?”.

Dire “aiutiamoli a casa loro è penoso”, ha aggiunto Di Battista sulla Sea Watch. “Non potrei accettare nessun incarico, pagato con denaro pubblico, senza prima passare per le elezioni. Io ritornerò ad avere uno salario pubblico solo se i cittadini lo vorranno attraverso le elezioni”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi
Cronaca / Ancora un morto sul lavoro: operaio folgorato in un cantiere a Taranto
Cronaca / Maiorca, 4 turisti italiani arrestati per stupro di gruppo