Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Tolta la scorta a Natale Giunta, chef famoso per aver partecipato a “La prova del cuoco”

Immagine di copertina

Scorta revocata allo chef de La prova del cuoco Giunta, che attacca Salvini 

Scorta revocata chef Giunta attacca Salvini – “Bravo ministro Matteo Salvini, tu hai le palle con i tuoi 26 uomini di scorta” recita così lo sfogo su Facebook di Natale Giunta, chef famoso per aver partecipato in più di un’occasione al programma televisivo La prova del cuoco, che dallo scorso 10 giugno è senza scorta.

A comunicare la revoca della scorta è stato lo stesso chef, allegando, sul suo profilo Facebook, la comunicazione di avvio del procedimento di revoca ricevuta da parte del ministero dell’Interno.

La scorta era stata revocata a Giunta già nel gennaio 2018, ma il procedimento era stato successivamente annullato grazie a un ricorso presentato dello chef e dal suo legale al Tar del Lazio, che aveva accolto il reclamo con la sospensione del provvedimento di revoca in via cautelare.

Nonostante il parere positivo del tribunale, però, ora il cuoco è di nuovo senza protezione.

Natale Giunta ha ricevuto una scorta di 4° livello, che consiste in una “tutela su auto non protetta”, nel 2013.

Un anno prima, infatti, il cuoco siciliano aveva denunciato tre persone, che volevano imporgli il pagamento del pizzo per alcune della attività che Giunta possedeva in Sicilia.

Lo chef non solo si rifiutò di pagare, ma denunciò il fatto, portando all’arresto dei soggetti di cui venne poi dimostrata l’appartenenza a Cosa Nostra.

Da allora, lo chef palermitano è stato tormentato da minacce di morte, intimidazioni e buste con proiettili.

Nonostante questo però Giunta ha saputo costruirsi una carriera di successo, che lo ha portato anche in televisione dove ha partecipato al programma di Raiuno La prova del cuoco condotto da Elisa Isoardi.

Ed è proprio grazie alla Isoardi, diventata nel frattempo sua grande amica, che lo chef ha conosciuto il ministro dell’Interno Matteo Salvini, ex compagno della Isoardi, il quale si sarebbe interessato alla sua vicenda, promettendogli di seguirla da vicino.

Dopo la rottura con la Isoardi, però, Salvini non si è fatto più sentire, lasciando il cuoco a combattere da solo per continuare a godere della protezione della sua scorta.

Lo scorso 28 marzo, inoltre, Elisa Isoardi aveva lanciato un appello sul piccolo schermo proprio in favore di Giunta.

“Chi ci governa non si dimentichi di te” dichiarò la conduttrice. Affermazioni che per molti altro non era che una frecciatina al suo ex Salvini.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”
Cronaca / Corteo No Green pass a Milano, un arresto e 83 denunce
Cronaca / Sui binari con le cuffiette, ragazza di 16 anni uccisa dal treno
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no