Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”

Immagine di copertina
Credit: EPA/JEAN-PAUL PELISSIER / POOL

I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”

Un tesoro di oltre 6.700 brillanti e circa 2.000 perle, custodito dalla banca centrale da quando l’ultimo re d’Italia fu costretto a lasciare il paese. Più di 75 anni dopo, i gioielli della Corona potrebbero finire al centro di una disputa tra lo Stato italiano e la famiglia Savoia, che ne ha chiesto la restituzione in un incontro con i rappresentanti della Banca d’Italia, della presidenza del Consiglio e del ministero dell’Economia.

Secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, si tratta della prima richiesta formale riguardante i gioielli, il cui valore è ancora considerato incerto, con stime che oscillano da 300 milioni di euro fino a pochi milioni.

A seguito del referendum che nel 1946 ha sancito il passaggio alla repubblica, il tesoro era stato escluso dalla confisca che ha interessato il resto del patrimonio dell’ex re d’Italia, delle sue consorti e dei suoi discendenti, costretti all’esilio dopo il sostegno al regime di Benito Mussolini.

Per questa ragione gli eredi di Umberto II sperano di poter rientrare in possesso dei gioielli, come già chiesto tramite una raccomandata inviata il 29 novembre scorso alla Banca D’Italia, alla presidenza del Consiglio e al ministero dell’Economia. “La restituzione non può essere accolta, tenuto conto delle responsabilità del depositario”, aveva replicato la Banca d’Italia dopo un solo giorno. Oggi invece si è tenuto il primo incontro della mediazione, convocato dal mediatore Giovanne De Luca, a cui hanno preso parte il legale Sergio Orlandi e i rappresentanti delle tre istituzioni. Secondo il quotidiano milanese, nel caso questa dovesse fallire, gli eredi di Umberto II (Vittorio Emanuele, Maria Gabriella, Maria Pia e Maria Beatrice), intendono citare in giudizio lo Stato.

Già nel 2007 la famiglia tentò di chiedere un risarcimento per l’esilio pari a circa 260 milioni di euro, prima di riconoscere la richiesta come inopportuna.

I discendenti del “re di maggio” Umberto II sono potuti rientrare in Italia nel 2003, dopo l’abrogazione delle disposizioni nella XIII disposizione transitoria e finale della Costituzione che ne sancivano l’esilio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: rimane l’obbligo di mascherina Ffp2 su tutti voli in Italia
Cronaca / Incinta del suo studente 13enne, prof condannata per violenza sessuale
Cronaca / Fermato dai carabinieri, scopre di essere scomparso da 5 anni: tenta di contattare il padre ma è morto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid: rimane l’obbligo di mascherina Ffp2 su tutti voli in Italia
Cronaca / Incinta del suo studente 13enne, prof condannata per violenza sessuale
Cronaca / Fermato dai carabinieri, scopre di essere scomparso da 5 anni: tenta di contattare il padre ma è morto
Cronaca / Firenze, disoccupato trova per terra 1000 euro e li restituisce alla polizia
Cronaca / Scopre che lo stage non è retribuito, ragazza lancia i posacenere e scappa
Cronaca / Covid, 44.489 casi e 148 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / “Una notte di sesso in cambio della pace”: il messaggio di Cicciolina a Putin per fermare la guerra in Ucraina
Cronaca / “In Italia in molti ospedali il 100% dei ginecologi non pratica l’aborto”: la denuncia dell’Associazione Coscioni
Cronaca / Due euro per un decaffeinato: titolare del bar riceve una multa di mille euro
Cronaca / Papa Francesco scherza sulle sue condizioni fisiche: “Sai cosa mi serve per la mia gamba? Un po’ di tequila” | VIDEO