Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Defibrillatori ovunque: la video-petizione di Sammy Basso per approvare il Ddl 1441

Immagine di copertina

“In Italia, gli attacchi cardiaci improvvisi sono 60mila ogni anno e colpiscono ogni fascia della popolazione, dai più giovani ai più anziani nonché persone in salute come gli sportivi”: esordisce così il video-appello creato da Sammy Basso per sostenere la petizione da lui lanciata  su Change.org al fine di spingere il Parlamento ad approvare il DDL 1441, proposta di legge “che andrebbe a fornire defibrillatori in tutte le aree extra-ospedaliere, nella pubblica amministrazione e nelle aree di accesso pubblico”. Al momento del lancio del video, l’appello ha già raccolto oltre 20mila firme.

Proprio per il fatto di essere improvvisi, spiega Sammy, gli attacchi cardiaci sopra menzionati “accadono spesso in ambiente extra ospedaliero, motivo il quale “solo il 2% di chi è colpito da attacchi cardiaci improvvisi può essere salvato”. Uno strumento per permettere di salvare molte più persone, però, c’è: “i defibrillatori semiautomatici permettono di erogare una scossa nel caso in cui il cuore si fermi”, prosegue Basso. Il quale aggiunge che “tutti possono usare questo strumento, perché questo guida passo passo il soccorritore”. E precisa che “dotando i luoghi di amministrazione pubblica d’Italia di un defibrillatore semiautomatico o automatico, si potrebbe innalzare il livello di sopravvivenza fino al 40%”.

Una necessità accentuata dalla pandemia, durante la quale “gli attacchi cardiaci improvvisi si sono alzati a 100mila l’anno, dunque le persone che si potrebbero salvare grazie a questi strumenti sono ancora di più”, aggiunge l’autore della petizione.

Ma nonostante il DDL 1441 sia partito con i migliori auspici, continua Basso, “tutto è stato bloccato e congelato per non si sa bene quali motivi. Per questo ho lanciato una petizione che chiede di approvarlo. L’obiettivo è raccogliere più firme possibili, da mandare al Presidente della Repubblica. Egli – in quanto rappresentante del popolo davanti alle Istituzioni – potrebbe infatti dare quell’ordine perentorio per consentire al DDL di essere approvato”.

Con il cuore non si scherza”, conclude. “Con il cuore non si può aspettare. Noi il cuore ce lo stiamo mettendo. E voi?”, chiosa Basso, invitando tutti a firmare la sua petizione.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il marito dell’influencer Siu: “Il sangue zampillava. Non sono stato io, si è ferita da sola”
Cronaca / Allenatore piazza telecamera nascosta nello spogliatoio delle sue giocatrici: squalificato per 6 anni
Cronaca / Il Papa riconosce un miracolo attribuito a Carlo Acutis: il “patrono di Internet” sarà santo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il marito dell’influencer Siu: “Il sangue zampillava. Non sono stato io, si è ferita da sola”
Cronaca / Allenatore piazza telecamera nascosta nello spogliatoio delle sue giocatrici: squalificato per 6 anni
Cronaca / Il Papa riconosce un miracolo attribuito a Carlo Acutis: il “patrono di Internet” sarà santo
Cronaca / “Offende l’Islam”: due studenti musulmani esentati dallo studio di Dante a Treviso. Il ministro Valditara: “Inammissibile”
Cronaca / Processo Salis, caos in aula: il giudice rivela l’indirizzo dove l’italiana sta scontando i domiciliari
Cronaca / Morto Franco Anelli, rettore dell'Università Cattolica di Milano
Cronaca / Testamento “colombiano” di Silvio Berlusconi: Di Nunzio arrestato per falso
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Non c’è Pace Senza Giustizia celebra i primi 30 anni festeggiando le conquiste e fissando gli obiettivi del futuro
Cronaca / L’ennesimo mistero su Emanuela Orlandi: “La sua agenda presa dai servizi segreti e consegnata alla polizia un mese dopo”